Home NOTIZIE ATTUALITÀ Vigili urbani a Roma: 10 milioni nel 2021 per gli straordinari, ma...

Vigili urbani a Roma: 10 milioni nel 2021 per gli straordinari, ma sono pochi gli agenti in strada

MULTE POLIZIA ROMA CAPITALE, MULTA CONTRAVVENZIONE CONTRAVVENZIONI MULTE POLIZIA ROMA CAPITALE VIGILE VIGILI MUNICIPALE URBANO INFRAZIONE INFRAZIONI STRADALE STRADALI, AUTO IN SOSTA

Dieci milioni e mezzo di euro per pagare gli straordinari ai vigili urbani necessari a rendere Roma più sicura. Tanto ha sborsato il Campidoglio nel 2021. Un’ora di straordinario per un vigile laureato è pagata 14,7 euro, 13,9 ai vigili diplomati. Il dato è reso noto dal Messaggero, che ha fatto i ‘conti in tasca’ al corpo dei vigili.

Nonostante le ore di straordinario – circa 190 annue a vigile secondo il quotidiano romano – il Codacons denuncia la mancanza di copertura sul territorio. Dice Gianluca Di Ascenzo, presidente nazionale del Codacons: “Non mi sembra di vedere una presenza dei vigili così massiccia sul territorio o almeno noi non ce ne siamo accorti”.

Aggiunge poi: “Questi dati ufficiali quindi ci stupiscono: nella programmazione dei turni c’è qualcosa che non va se serve tutto questo straordinario, al netto di emergenze specifiche. Il sindaco deve convocare una riunione per analizzare il servizio”.

Per Carlo Calenda, leader di Azione: “La situazione è evidentemente fuori controllo con il risultato che in giro per le strade si vedono pochi vigili urbani, non c’è rotazione nei quartieri e la situazione è sotto gli occhi di tutti. L’unico che ha tentato di mettere a posto il caos del corpo fu Marino con iniziative cancellate dalla Raggi”.

Marco Milani, segretario romano aggiunto del Sulpl ha fatto sapere che “fra le disposizioni interne del comando generale che azzerano ogni bimestre i calcoli sulle ore di straordinario, la carenza di personale e le modalità di espletamento dello straordinario, ci ritroviamo turni straordinari che arrivano fino a sette ore. Ci sono dei gruppi dove viene quasi incoraggiato il ricorso allo straordinario anche in deroga alle norme”.

G.