Home NOTIZIE ATTUALITÀ Lazio, carceri sempre più affollate. A Latina i numeri peggiori

Lazio, carceri sempre più affollate. A Latina i numeri peggiori

Sono sempre più affollate, pericolosamente, le carceri della Regione Lazio. Secondo un rapporto pubblicato martedì 5 luglio dal Dipartimento Correttivo (DAP), al 30 giugno si contavano 5.667 detenuti, 14 in più rispetto al mese scorso. All’inizio dell’anno il numero dei detenuti è aumentato di 119 unità, con una crescita semestrale del 2,1%.

A livello nazionale, sempre rispetto al grafico annuale, l’incremento è contenuto, fermandosi all’1,3%. Le presenze complessive a fine giugno erano 54.841. Nel Lazio, anno dopo anno, il numero aumenta in modo inarrestabile e questa è una situazione che non è stata documentata per molto tempo.

Carceri, la situazione a Latina, Viterbo, Roma. Detenuti in aumento

Secondo informazioni dettagliate basate sulle effettive posizioni disponibili presso ciascuna istituzione della nostra regione, il livello raggiunto è del 120%.

In particolare, i casi peggiori si registrano a Latina (dove in pochi mesi si sono registrati quasi due arresti per posto disponibile) Civitavecchia, Regina Coeli, Viterbo e Rebibbia femminile, con un livello superiore al 120%.

La nota conclusiva sta per la presenza finale delle piazzole di protezione nazionale più semplici, che in questo mese sono leggermente diminuite (dal 15,3% al 14,8%) e sono scese del 15,3%.

Anche la situazione legata all’emergenza Covid resta delicata. Le persone detenute positive al Coronavirus nei 14 istituti penitenziari del Lazio erano 23 il 4 luglio, per poi raddoppiare l’11 luglio.