Home NOTIZIE ATTUALITÀ Roma, pochi turisti: Ferragosto deludente per il commercio

Roma, pochi turisti: Ferragosto deludente per il commercio

ROMA IN ZONA ROSSA, IL CENTRO DESERTO COLOSSEO

Qualcosa si muove, ma non basta. Negli ultimi mesi Roma è tornata ad accogliere i turisti, sempre troppo pochi, però, per mantenere in salute le attività produttive della Capitale. I romani hanno scelto il mare e la montagna per le ferie di agosto, così la città si è svuotata, e molti bar, ristoranti e anche alberghi hanno deciso di rimanere chiusi.

Solo il comparto somministrazione ha registrato un calo del 15% rispetto alla settimana precedente a quella di Ferragosto. Motivo per cui, spiega al Tempo il presidente di Fiepet Confesercenti Claudio Pica, il 40% degli esercizi di somministrazione resterà chiuso almeno fino alla prossima settimana.

E il problema si allarga anche al settore alberghiero. Perché i turisti che sono tornati a fare capolino nelle vie della Capitale non bastano a riempire gli alberghi della città. Metà dei quali ha deciso così di rimanere chiuso. Per 300 di queste strutture la riapertura potrebbe avvenire in autunno, tutto dipenderà dall’andamento della pandemia e di conseguenza del turismo.

Tra gli albergatori che hanno deciso di rimanere aperti c’è Giuseppe Roscioli, presidente di Federalberghi Roma, che è riuscito a riempire in media il 30% delle proprie strutture. Anche il settore del commercio fatica a rivedere la luce: nonostante gli incassi migliori rispetto a un anno fa è ancora lontano il traguardo dell’era pre-Covid. E con i saldi al capolinea gli esercenti sperano che la prossima giunta capitolina si muova in fretta per evitare il collasso del settore.