Home NOTIZIE SPORT Roma, la società regala i biglietti per la finale ai 166 abbonati...

Roma, la società regala i biglietti per la finale ai 166 abbonati presenti in Norvegia

JOSE' MOURINHO

Festa e lacrime, non poteva finire in modo diverso una serata che ha regalato alla Roma una finale di una competizione europea che mancava da 31 anni. Per riscrivere la storia ci voleva uno che di imprese così ha riempito il curriculum: Josè da Setubal, per molti già diventato Mou di Trigoria. Mourinho anche si è lasciato andare ad un pianto liberatorio quando l’arbitro ha fischiato tre volte sul risultato di 1-0 dei giallorossi sul Leicester.

La Roma è in finale di Conference League. Il 25 maggio, a Tirana, sfiderà il Feyenoord. E in città è salita già la febbre biglietto. I primi tifosi ad aver assicurato un posto nello stadio che potrebbe regalare alla Roma il primo trofeo internazionale della sua storia, sono i 166 abbonati presenti in Norvegia nella sfida con il Bodo finita 6-1 per i padroni di casa.

Una sorta di risarcimento per quella serata che lasciava presagire un cammino tortuoso nella competizione ma che alla fine ha portato all’atto finale. Ad annunciare l’iniziativa, che ancora una volta in più dimostra la vicinanza della società ai tifosi, è il club stesso attraverso un comunicato pubblicato sul sito ufficiale.

Ecco come la Società ha deciso di assegnare i biglietti dell’ultimo atto di questa prima edizione di Conference League, in calendario mercoledì 25 maggio alle 21 all’Arena Kombëtare di Tirana, contro il Feyenoord!”, si legge nella nota.

Spiega la società: “Il Club ha deciso di ringraziare i 166 abbonati presenti alla partita del 21 ottobre nel settore ospiti del Aspmyra Stadion di Bodo, garantendo loro – gratuitamente – un biglietto per la finale. L’elenco degli aventi diritto è stato stilato sulla base dei report di vendita forniti dal Bodo/Glimt. Pertanto, il codice univoco sarà inviato entro il 7 maggio all’indirizzo e-mail utilizzato per l’acquisto del biglietto sul portale di biglietteria del Bodo”.