Home NOTIZIE ATTUALITÀ Covid: rispetto a ieri il tasso di positività è in calo (10%)....

Covid: rispetto a ieri il tasso di positività è in calo (10%). Preoccupano i decessi, prossimi agli 80mila

Rispetto a ieri oggi il tasso di positività è al 10%, come spiegano  i 141.641 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, che hanno rivelato 14.242 casi di coronavirus.

Dal canto suo, il report quotidiano stilato dal ministero della Salute, illustra che ad oggi in Italia, le persone positive – ma non necessariamente ‘malate’ – sono 575.979. Ricordiamo che, dall’invio della pandemia, nel paese abbiamo contato qualcosa come 2.303.263 di individui contagiati.

Tra le regioni maggiormente colpite, è nuovamente il Veneto a distinguersi, con 2.134 nuovi casi e ben 177 decessi rispetto a ieri. Seguono quindi la Sicilia (1.913), poi l’Emilia Romagna (1.563), quindi il Lazio (1.381), la Puglia (1.261) e, finalmente in calo, la Lombardia a (1.146).

Ciò che rende però sconcertante l’avvento di questa seconda ondata, è il numero dei decessi, sempre alto (616 anche nelle ultime 24 ore). Basti pensare infatti che, dall’inizio dell’emergenza, abbiamo già contato qualcosa come 79.819 vittime.

Va un ‘pochino’ meglio nelle terapie intensive dove, per effetto della media calcolata sul territorio nazionale, dopo giorni di nuovi ingressi, ieri sono invece stati dimessi nazionale 6 pazienti, portando così a 2.636 il numero nelle rianimazioni.

Non migliora invece la situazione per quel che riguarda i reparti ordinari degli ospedali italiani, che oggi hanno 109 nuovi ricoverati con sintomi, a fronte di  23.712 malati.

Fa sempre meno paura l’isolamento domiciliare dal quale, nelle ultime 24 ore 6.042 persone ne sono finalmente uscite.

I dimessi e guariti rappresentano infine ogni giorno la notizia più bella, allietandoci con numeri importanti. Basti pensare che da ieri altri 16.035 italiani hanno definitivamente potuto ‘salutare’ questo maledetto Covid, portando così a 1.633.839 il numero di quanti hanno vissuto la terribile esperienza del contagio.

La situazione legata all’emergenza sanitaria in ciascuna regione

Max