Home SPORT CALCIO Lazio, vittoria e nervosismo per Sarri. Sul dito medio: “Tutto chiarito”

Lazio, vittoria e nervosismo per Sarri. Sul dito medio: “Tutto chiarito”

Dopo l’Europa, il campionato. La Lazio vince ancora e conferma il buono stato di forma, messo in dubbio dalla doppia frenata Sampdoria-Napoli che aveva prodotto un solo punto. E’ stata la sfida europea contro il Feyenoord a riaccendere l’entusiasmo: quattro gol rifilati alla squadra che pochi mesi prima aveva affrontato la Roma nella finale di Conference League.

Ieri è toccato al Verona cadere sotto ai colpi di Immobile e Luis Alberto. La Lazio, dopo un primo attento prudente e accorto, s’è fatta più aggressiva nella ripresa. Ha preso campo e trovato il gol del vantaggio sull’asse – caldissima – Milinkovic-Immobile. Il serbo ha crossato tagliando l’area e l’attaccante si è fatto trovare libero sul secondo palo.

A chiudere i giochi è stato il subentrante Luis Alberto, che ancora una volta si conferma spaccapartite. Sarri ha potuto sperimentare ancora: per la prima volta ha mandato in campo dal primo minuto Marcos Antonio e Casale e entrambi, soprattutto il difensore, hanno risposto con una prestazione positiva.

Al 74’ Sarri è stato colto dalle telecamere di Dazn mentre faceva il dito medio verso la panchina del Verona. In conferenz atsampa ha spiegato che ce l’aveva col ds Marroccu, che conosce da anni, perché pensava gli avesse detto di mettersi seduto: “Tutto chiarito. Con Marroccu ci conosciamo da tanti anni, avevo capito che mi avesse detto ‘mettiti a sedere’ e mi ero arrabbiato. In realtà mi aveva detto ‘stai calmo’, ci abbiamo riso sopra”, ha spiegato Sarri.

Poi, della partita, ha detto: “Sono soddisfatto perché era una partita difficile contro una squadra difficile da affrontare. Ci voleva pazienza con il loro tipo di gioco, poi quando capitano questo tipo di gare su un terreno non degno della città di Roma, allora diventa ancora più difficile. Richiede sempre un tocco in più del normale”.

G.