Home NOTIZIE CRONACA Roma, lite condominiale finisce a coltellate: feriti due fratelli. Arrestato il vicino...

Roma, lite condominiale finisce a coltellate: feriti due fratelli. Arrestato il vicino di casa

E’ finita nel sangue l’ennesima lite condominiale in un palazzo a Roma zona Primavalle. Un 48enne romano, già noto alle forze dell’ordine, è finito in manette con l’accusa di aver accoltellato due vicini di casa: una ragazza e il fratello. L’aggressione è avvenuta nella notte del primo agosto. A far scattare l’intervento dei carabinieri è stata la vittima di 21 anni che aveva chiesto aiuto al 112. La ragazza ha spiegato di essere stata accoltellata dall’uomo che vive al piano di sopra al termine di una lite, per futili motivi. Ferito nell’aggressione anche il fratello della 21enne.

Non era la prima volta che i vicini di casa litigavano, stavolta però l’uomo avrebbe colpito ripetutamente dall’esterno la porta di casa della famiglia della giovane, danneggiandola. La 21enne quindi è salita al piano di sopra con il fratello per chiedere spiegazioni ma, secondo quanto denunciato, l’indagato sarebbe uscito dall’appartamento e nel corso della lite con i fratelli, avrebbe impugnato un coltello da cucina e li avrebbe colpiti con vari fendenti.

Le vittime

La donna è stata visitata presso l’ospedale “Cristo Re”, e trattenuta in osservazione per una ferita all’addome mentre il fratello è stato trasportato in ambulanza presso il pronto soccorso dell’ospedale “San Filippo Neri”, dove è stato visitato e dimesso con una prognosi di 10 giorni, per una ferita al torace.

L’arresto

Al termine del sopralluogo effettuato dai Carabinieri della 7^ sezione del Nucleo Investigativo di Roma, è stato recuperato e sequestrato un coltello all’interno dell’abitazione del 48enne che si presume sia stato utilizzato per ferire i due fratelli. I Carabinieri della Stazione di Roma Montespaccato, coordinati dalla Procura di Roma, hanno arrestato il 48enne per tentato omicidio e lesioni personali aggravate. L’arresto dell’uomo è stato convalidato ed è stato disposto il trasferimento in carcere.