Home NOTIZIE ATTUALITÀ Lazio, dati sulle terapie intensive da zona arancione. Ma la Regione resiste...

Lazio, dati sulle terapie intensive da zona arancione. Ma la Regione resiste in giallo

Immagine di repertorio CORONA VIRUS COVID19 COVID 19 SCREENING IMMUNITA' ANTICORPI ANALISI TEST SIEROLOGICO SIEROLOGICI RAPIDO RAPIDI PERSONALE SANITARIO IN ABBIGLIAMENTO PROTETTIVO CAMICE CAMICI PROTETTIVI GUANTI PROTETTIVI

Se a contare fosse solo il dato relativo all’occupazione dei posti letto in terapia intensiva, il Lazio sarebbe già in zona arancione. La Regione ha infatti toccato il 20,8% dei posti letto occupati nei reparti di rianimazione, superando la soglia del 20%, uno dei criteri presi in esame per il passaggio alla fascia di rischio più alta.

L’altro fattore è legato all’incidenza settimanale, nel Lazio abbondantemente al di sopra della zona di rischio, con 3.151 positivi ogni 100mila abitanti, toccati negli ultimi sette giorni. A salvare, al momento, la Regione dal cambio di colore è l’occupazione di posti letto in area medica, al 24,7%, al di sotto della soglia che porta all’arancione, fissata al 30%.

I contagi sono in continuo aumento e oggi dovrebbe essere superata la quota dei 200mila attualmente positivi nel Lazio. Sale l’incidenza, ma ieri, per la prima volta, nelle ultime due settimane, è sceso leggermente il numero dei nuovi casi. A preoccupare però è la pressione sulla rete ospedaliera.

Nei 48 pronto soccorso della Regione, ieri, 591 pazienti erano in attesa di ricovero e trasferimento. Alcuni ospedali, come quello di Tor Vergata, sono corsi ai ripari e hanno allargato la rete dei posti letto con tende della Protezione Civile. Il San Camillo è stato invece costretto a chiudere il reparto di Cardiologia week per mancanza di personale.