Home NOTIZIE ATTUALITÀ San Giovanni Addolorata, inaugurata la procedura del “certificato oncologico telematico introduttivo”

San Giovanni Addolorata, inaugurata la procedura del “certificato oncologico telematico introduttivo”

OSPEDALE NIGUARDA SALA ATTESA INFO POINT TICKET CASSE CHIUSE SPORTELLI CAMICI CAMICE DOTTORI DOTTORE MEDICI MEDICO PERSONALE SANITARIO CUP SANITA' SPOSTELLO CHIUSO SPORTELLI CHIUSI

Da oggi, all’ospedale San Giovanni Addolorata di Roma, sarà più facile ottenere il riconoscimento della disabilità oncologica. E’ stata infatti inaugurata procedura che introduce il “certificato oncologico telematico introduttivo”, che con un click permette ai malati e alle loro famiglie di ottenere il certificato di disabilità oncologica.

Il primo click è avvenuto alla presenza dell’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato del Direttore generale dell’AO San Giovanni Addolorata, Tiziana Frittelli e Luca Loschiavo INPS direzione coordinamento metropolitano di Roma.

Una svolta importante nel percorso di tutela e presa in carico dei pazienti oncologici – ha dichiarato l’Assessore alla Sanità, Alessio D’Amato – che potranno accedere, in tempi celeri, ai benefici giuridici, economici e di tutela del lavoro previsti dalla normativa vigente ed essere sollevati dal disagio legato all’iter autorizzativo, sia in termini di tempo che in termini economici”.

Ha aggiunto l’assessore: “Grazie al nuovo protocollo, con l’intervento diretto da parte del personale medico, si potrà accelerare notevolmente le procedure amministrative legate al riconoscimento dell’invalidità, incidendo favorevolmente sull’appropriatezza e sull’omogeneità delle informazioni cliniche fornite alla Commissione competente ed evitando, così, che vengano richiesti ulteriori accertamenti o documenti integrativi per la valutazione finale”.

Il Direttore Generale, Tiziana Frittelli, ha dichiarato: “Siamo davvero soddisfatti di questa collaborazione con la Direzione dell’INPS Metropolitano di Roma che ha fin da subito compreso la nostra volontà di andare incontro alle esigenze dei pazienti e aiutarli nel superamento di alcune criticità. Questa procedura semplificativa rientra all’interno di un percorso di umanizzazione, avviato dall’Azienda, che coinvolge in maniera diretta pazienti e famiglie in un processo di sostegno e affiancamento durante l’evoluzione della patologia, occupandosi non solamente degli aspetti medici, ma di tutto quanto ruota attorno alle problematiche del paziente, anche se si tratta di aspetti amministrativi. Saranno oltre 1500 i pazienti potenzialmente interessati nel 2023 da questa iniziativa. A tal proposito ringrazio Mauro Minelli, Direttore UOC Oncologia Medica, e Laura Cudillo, Direttore UOC Ematologia, e tutti i professionisti per la disponibilità dimostrata nel perseguire l’avvio del progetto”.

G.