Home NOTIZIE Cerveteri, tra gli aspiranti consiglieri anche l’attore Kaspar Capparoni

Cerveteri, tra gli aspiranti consiglieri anche l’attore Kaspar Capparoni

PRESENTAZIONE LE TRE ROSE DI EVA

C’è anche l’attore Kaspar Capparoni tra gli aspiranti consiglieri di Cerveteri, a Roma, in vista della prossima tornata elettorale. Dopo aver recitato in molte fiction di successo, come Elisa di Rivombrosa, Capri, Donna detective, Le tre rose di Eva e Rex, l’attore scende in campo in politica, con la lista ‘Capacità e Passione con Lamberto’ a sostegno del candidato sindaco Gianni Moscherini.

L’attore, 57 anni, nato a Roma, spiega così la sua decisione: “Sono sempre stato lontano dalla politica. Da quando, però, mi sono trasferito a Cerveteri, una vera e propria scelta di vita, ho notato dopo 14 anni che diverse erano le cose che non funzionavano. Varie volte sono venute persone per cercare di coinvolgermi in modo attivo, ma svolgendo un mestiere particolare ho cercato di tenermi lontano dalle varie diatribe, dai partiti, dalle bandiere”, ha riferito in un’intervista al portale Sprynews,it.

“Questa volta, però siccome era in campo una lista civica e soprattutto mi convinceva un progetto ho ritenuto non restare più in disparte – ha aggiunto l’attore – anche perché soprattutto dal punto di vista culturale ritengo di poter dare un contributo alla comunità”. Capparoni ha poi spiegato che la lista civica di cui fa parte è appoggiata da diverse forze politiche.

“All’interno di questa compagine – ha detto – ci sono anche elementi di Forza Italia, Italia Viva, nonché persone con una militanza di sinistra. Stiamo sposando un’idea di innovazione che va oltre i partiti. Cercheremo, pertanto, di non essere solo uno slogan. Altrimenti -aggiunge- saremo una delusione per chi crede in un progetto”.

“C’è molto da fare. Abbiamo la necropoli più grande del mondo, che non tanti conoscono sebbene sia patrimonio dell’Unesco. Stiamo parlando di un patrimonio abbandonato a sé stesso, in cui non si organizzano iniziative. Qui mancano le strutture, il teatro. C’è da fare tutto. Ho, quindi, la volontà e la capacità di organizzare un lato rimasto oscuro a queste latitudini. Credo nel progetto di Moscherini, manager amministrativo vero e non improvvisatore di turno. E’ un uomo del fare, apprezzato appunto per le sue competenze in materia di sviluppo. L’opportunità deve essere sfruttata. Spero che le persone possano comprenderla e dare una svolta”, conclude Capparoni.