Home PRIMO PIANO Sblocco dei licenziamenti, proroga a ottobre per tessile e moda

Sblocco dei licenziamenti, proroga a ottobre per tessile e moda

Nella Capitale a rischio 60mila lavoratori

PIAZZA LIBERTA' RIPARTIAMO INSIEME MANIFESTAZIONE NAZIONALE CGIL CISL E UIL CONTRO IL BLOCCO DEI LICENZIAMENTI

Stop al blocco dei licenziamenti. È il tema dell’incontro di oggi a Palazzo Chigi tra il premier Mario Draghi e le parti sociali. Sul tavolo la mediazione politica raggiunta ieri sera nel corso della Cabina di regia sullo sblocco selettivo dei licenziamenti.

Il divieto di licenziare, in scadenza il primo luglio, sarà prorogato con decreto legge fino al 31 ottobre solo per il tessile e settori collegati (calzaturiero e moda), che potranno fruire della cassa integrazione gratuita per diciassette settimane.

I sindacati: proroga per tutti

Critico Maurizio Landini contro lo sblocco dei licenziamenti. “È sbagliato utilizzare i licenziamenti ora, ha detto il segretario Cgil, che nel pomeriggio incontrerà insieme a Uil e Cisl il premier Mario Draghi a Palazzo Chigi – ci sono altri strumenti che sarebbe interesse di tutti gestire. Dobbiamo capire anche i tempi della riforma degli ammortizzatori sociali”.

Roma, 60mila posti a rischio

A Roma e nel Lazio a rischio 60mila posti di lavoro con la fine del blocco dei licenziamenti e degli ammortizzatori sociali. Numeri che si sommano ai già 200mila posti che sono andati persi durante la pandemia. Turismo e piccole aziende i settori più colpiti.