Home NOTIZIE CRONACA Roma, a Villa Pamphilj ingressi chiusi “causa cinghiali”

Roma, a Villa Pamphilj ingressi chiusi “causa cinghiali”

“Entrata chiusa causa cinghiali”. E’ quanto si legge su un cartello affisso su uno dei cancelli d’ingresso a Villa Pamphilj dalla Polizia Locale di Roma Capitale. Allarme questa mattina tra residenti e appassionati della storica villa, per estensione il terzo parco pubblico di Roma. L’accesso alla villa sarebbe stato vietato in mattinata dagli ingressi lato est per la presenza di cinghiali.

Villa Pamphilj: “Entrata chiusa causa cinghiali”

Ad aggiornare i cittadini è l’associazione Villa Pamphilj  che su Facebook scrive: “La villa e ‘aperta’ ma chiudono gli accessi a seconda dello spostamento dei cinghiali. Attualmente sono chiusi gli ingressi di piazza San Pancrazio, Donna Olimpia e quello pedonale su via Vitellia… la situazione è in evoluzione ci dicono che è presente l’Asl”. La Asl e la Polizia Locale starebbero facendo un sopralluogo per decidere come procedere.
Tanti i commenti degli utenti sui social, molti chiedono soluzioni “non emergenziali” per il problema che non dovrebbe ricadere sulla libertà dei cittadini di poter frequentare un parco pubblico. La presenza di ungulati nelle strade della capitale ha spesso  causato disagi ai cittadini ma anche gravi incidenti stradali. L’ultimo è avvenuto solo tre giorni fa. Un uomo è finito in coma dopo essersi scontrato con lo scooter con un cinghiale.

Presidente Municipio XII: “Intervento per isolare i cinghiali e portarli altrove”

“Questa mattina per motivi di sicurezza legati alla presenza di cinghiali all’interno del Parco, alcune entrate di Villa Pamphilj sono state chiuse, in particolare gli accessi da Donna Olimpia e Monteverde Vecchio”. Lo spiega il presidente del Municipio XII di Roma Capitale Elio Tomassetti..
“Subito sono intervenuti il personale della Asl, la Polizia Locale e la Polizia della Città Metropolitana per cercare di isolare gli esemplari e portarli altrove. Gli interventi sono ancora in corso e aggiorneremo costantemente la cittadinanza sull’evolversi della vicenda”. (eg)