35 C
Roma

Crea armi con stampante 3D, i genitori: “Nostro figlio è innocuo”

Un ventenne romano è stato posto agli arresti domiciliari per aver fabbricato e detenuto pistole create con una stampante 3D. Gianmarco F., già monitorato per attività neonaziste, è ora al centro di un’indagine che coinvolge la Digos e la Polizia Postale. La sua famiglia insiste sull’innocenza del giovane, descrivendo la situazione come un dramma familiare e sostenendo che Gianmarco sia stato travolto dai pericoli del web.

Arresto del giovane che stampava pistole con la stampante 3d

Giovedì scorso, la Digos ha arrestato Gianmarco F. per fabbricazione e detenzione di armi clandestine. Le forze dell’ordine hanno trovato pistole fabbricate con una stampante 3D nel suo appartamento e in una seconda dimora fuori Roma.

Il giovane è stato posto ai domiciliari dal giudice per le indagini preliminari, una decisione che ha scosso profondamente la sua famiglia. Gianmarco, descritto dai genitori come un ragazzo normale e innocuo, si trova ora sotto la stretta sorveglianza della famiglia.

Indagini della Digos e della Polizia Postale

Le indagini su Gianmarco F. sono partite da un monitoraggio delle sue attività online. La Polizia Postale, che ha inizialmente rilevato movimenti sospetti, ha coinvolto la Digos e la Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione.

Gianmarco è stato trovato in possesso di armi e proiettili nascosti nella sua stanza e in un borsone. La polizia sospetta che il ventenne diffondesse video di violenza razziale su Telegram e che simpatizzasse con terroristi neonazisti come Brenton Tarrant e Stephan Balliet.

Le forze dell’ordine stanno cercando di chiarire se Gianmarco avesse intenzione di commettere atti di violenza o se fosse solo un giovane attratto da contenuti estremi.

La famiglia difende Gianmarco

I genitori di Gianmarco, sconvolti dall’arresto del figlio, insistono sulla sua innocenza. Sostengono che il ragazzo, incensurato e senza precedenti penali, sia stato vittima delle influenze negative del web.

La madre, con il cuore spezzato, descrive Gianmarco come un amante degli animali e un giovane che non farebbe del male a nessuno. La famiglia attribuisce la situazione a un uso eccessivo del web e dei videogiochi, che lo hanno esposto a pericoli e influenze negative.

Secondo i genitori, Gianmarco potrebbe essere stato manipolato da hacker e altri individui presenti nei meandri oscuri del web.

ULTIME NOTIZIE

Stadio Olimpico, siglato l’accordo tra Corepla e Sport e Salute per rendere gli eventi più sostenibili

Parte il progetto mirato a ottimizzare l’eco-sostenibilità degli eventi tenuti allo Stadio Olimpico di...

La matematica è un problema nel Lazio: i risultati dei test Invalsi

I risultati dei Test Invalsi del 2024 evidenziano carenze nella matematica per gli studenti...

Trastevere Calcio, rinnova il capitano Massimo

Trastevere Calcio, Massimo resta in amaranto Il Trastevere Calcio annuncia il rinnovo del capitano, Emiliano...

Manuela Petrangeli, oggi il funerale a Roma

Centinaia di persone si sono riunite alla Basilica di Santa Maria della Salute a...

Continua a leggere su radioroma.it

NOTIZIE CORRELATE

Manuela Petrangeli, oggi il funerale a Roma

Centinaia di persone si sono riunite alla Basilica di Santa Maria della Salute a...

Incidente in via Prenestina, traffico dei tram bloccato

Un incidente avvenuto oggi, venerdì 12 luglio, ha causato disagi notevoli al traffico dei...

Maxi sequestro di droga a Roma: 5 arresti

A Roma un'operazione della polizia del III Distretto Fidene-Serpentara ha portato al sequestro di...