Home NOTIZIE CRONACA Fiumicino, litiga con il vicino di casa e dà fuoco allo zerbino:...

Fiumicino, litiga con il vicino di casa e dà fuoco allo zerbino: l’allarme lanciato dai residenti

l'intervento dei carabinieri di Fiumicino

Litiga con il vicino e dà fuoco allo zerbino di casa. Momenti di tensione nella tarda serata di ieri lunedì 27 novembre a Fiumicino per una lite condominiale.

Fiumicino, litiga con il vicino di casa e dà fuoco allo zerbino: l’allarme lanciato dai residenti

Alcuni residenti di uno stabile in via della Muratella hanno notato una lite animata tra altri due condomini. A un certo punto uno dei due, in evidente stato di alterazione, ha dato fuoco allo zerbino posto alla porta d’ingresso dell’abitazione del vicino. A quel punto i condomini hanno allertato il 112 mentre un residente è intervenuto per spegnere l’inizio di incendio con un estintore.

Leggi anche: Attesi a Roma 4mila tifosi del Celtic per la sfida con la Lazio: denunciato scozzese, in centro ubriaco minaccia con un cartello stradale

E’ stato sempre lui ad indicare l’autore del gesto ai Carabinieri della Stazione di Fiumicino che sono intervenuti sul posto. I militari hanno identificato l’uomo, un 47enne straniero e lo hanno denunciato in stato di libertà per il reato di danneggiamento a seguito di incendio e lo hanno affidato al personale del 118 che lo ha sottoposto ad un trattamento sanitario obbligatorio presso l’ospedale “Grassi” di Ostia.

Il tragico precedente: lite condominiale finisce nel sangue

carabinieri

E’ finita in tragedia la lite condominiale avvenuta lo scorso luglio a Roma, nella zona di Ponte Galeria. Un uomo di 60 anni è morto dopo essere stato aggredito nel corso di una lite tra condomini. Secondo quanto ricostruito gli aggressori, tre uomini dai 26 ai 37 anni uno straniero e due italiani, si sarebbero scagliati contro due romani di 56 e 60 anni.

Le vittime sarebbero state colpite con calci e pugni, e con una mazza da baseball e un mattarello in legno, nel corso di una lite condominiale, scaturita per futili motivi. Il 60enne trasportato d’urgenza presso il Policlinico Agostino Gemelli di Roma è poi deceduto per le ferite riportate.

I tre sono stati fermati e dovranno rispondere dell’accusa del reato di omicidio in concorso. A casa di uno dei tre i Carabinieri hanno trovato e sequestrato una mazza da baseball.