Home NOTIZIE ATTUALITÀ Expo 2030, per Roma scende in campo Meloni: il messaggio della premier

Expo 2030, per Roma scende in campo Meloni: il messaggio della premier

Durante la puntata di È sempre Cartabianca si parlerà del nuovo pacchetto di norme

Manca sempre meno all’annuncio della sede di Expo 2030. Roma si gioca le sue carte in una votazione che avrà fine intorno alle 17.00. In campo, per caldeggiare la candidatura della capitale italiana, è scesa anche la premier Giorgia Meloni, assente fisicamente a Parigi, ma vicina a Roma con un video in cui ha raccontato perché la Capitale dovrebbe ospitare la prossima esposizione universale.

Expo 2030, il messaggio di Meloni

Roma Expo 2030
Roma Expo 2030

Dice Meloni: “Alla base del nostro progetto c’è il rispetto per ogni partecipante di ogni Paese. A Roma, ogni Nazione troverà il suo spazio, come un pari tra pari, e avrà la possibilità di mettere in mostra la propria identità. Non importa quanto grande o piccolo possa essere, a Roma ogni persona ha qualcosa di unico da offrire e vogliamo che tutti contribuiscano su un terreno di gioco equo. È per questo che siamo pronti a prendere misure volte a garantire opportunità uguali, anche dal punto di vista finanziario, per la più ampia partecipazione possibile. Questa è l’essenza di una cooperazione responsabile e inclusiva. Questa è l’essenza dell’identità di Roma”.

E ancora: “A Roma ogni Nazione può esprimere il suo massimo potenziale. Ogni Padiglione nazionale farà parte del più grande parco urbano solare mai costruito in una città, un innovativo esperimento di condivisione dell’energia. Ogni Padiglione nazionale produrrà energia rinnovabile, convogliata nella rete condivisa. Ogni Padiglione nazionale farà parte di un polo internazionale di educazione e ricerca scientifica, apprezzato dai visitatori per decenni. Perché il nostro progetto è progettato per durare nel tempo, e per superare lo smantellamento dei Padiglioni. A Roma ogni Nazione lascerà il suo segno, un segno duraturo, perché Roma è una città che c’era molto prima dell’Expo e rimarrà dopo di esso. Votare per Roma significa tutto questo”.

Continua la premier: “Votare per Roma oggi significa anche creare una piattaforma per la gioventù di tutto il mondo, per studiare insieme e avviare nuove imprese insieme. Iniziative di ogni genere, start-up, nuovi progetti di ricerca, soluzioni innovative, in un formato ibrido, fisico e digitale. Votare per Roma oggi significa anche fidarsi dell’esperienza italiana nell’accogliere milioni di visitatori da tutto il mondo, ognuno di loro si sente a casa. Votare per Roma oggi significa costruire il nostro futuro insieme. Scegliere Roma Expo 2030 significa scegliere tutto questo”.

Il messaggio di Sinner

Anche Sinner, fresco campione della Coppa Davis, è sceso in campo per Roma con un video: “Come nel tennis bisogna vincere due set, votate il numero 2 per Roma. Io non rinuncio mai, qualunque sia il punteggio della partita. Cerco di dare sempre il meglio. Sono felice di essere qui con voi, specialmente dopo la vittoria di domenica in Coppa Davis l’Italia incarna i valori dello sport, della società e umanità. Al tennis si vince in 2 set, questo è il numero che dovete votare oggi”.