Home NOTIZIE ATTUALITÀ Ottobre da spiaggia a Ostia e non solo: estate infinita a Roma...

Ottobre da spiaggia a Ostia e non solo: estate infinita a Roma con temperature a 30 gradi

ottobrata spiagge caldo ottobre roma

Roma è alle prese con una sorprendente estate a ottobre, e la spiaggia di Ostia si trasforma in una destinazione ambita per i cittadini che cercano di prolungare al massimo la stagione balneare.

Con temperature medie che si mantengono sui 27 gradi, l’autunno sembra essere un lontano miraggio mentre i romani invadono le spiagge alla ricerca del calore del sole e delle delizie culinarie dei chioschi locali. Anche durante questo weekend, migliaia di romani si sono riversati lungo la costa.

L’invasione delle spiagge di Ostia

Le spiagge libere attrezzate sono particolarmente popolari, offrendo comfort per coloro che desiderano trascorrere solo qualche ora sotto il sole radiante.

Ma non sono solo le spiagge libere a essere affollate. Anche i ristoranti dei lidi privati stanno godendo di un afflusso di clienti insolitamente alto durante questo secondo fine settimana d’ottobre.

spiagge caldo ottobre roma ottobrata
Con le temperature oltre media ad ottobre, è scattata una corsa alla spiaggia sul litorale laziale

Con l’aumento delle temperature previsto per i prossimi giorni (martedì sono previsti 32 gradi), sembra che Roma non sia affatto pronta a dire addio all’estate.

Temperature estive, prolungata la stagione balneare

Di fronte a questa insolita ondata di calore, il Campidoglio ha deciso di “allungare” la stagione balneare. Gli stabilimenti potranno ora rimanere aperti fino al 29 ottobre, un mese in più rispetto alla data inizialmente prevista.

Mentre i servizi saranno garantiti anche sulle spiagge libere, va notato che metà di esse è rimasta senza assegnazione, priva anche di bagnini.

Tuttavia, questa proroga sembra non applicarsi, almeno per ora, ai chioschi di Castelporziano, riaperti a luglio dopo un lungo sequestro e attivi solo per due mesi.

Capocotta, dopo la perdita del ricorso al Consiglio di Stato, ha chiuso i battenti il 30 settembre e dovrà restituire i chioschi al Comune entro i primi di novembre, lasciando una parte del litorale priva di qualsiasi presidio fino alla prossima estate.

Le reazioni dei romani

Questa situazione ha lasciato molti romani delusi, che avrebbero preferito una maggiore considerazione da parte delle autorità locali. I frequentatori assidui delle spiagge di Capocotta hanno espresso la loro insoddisfazione per la chiusura delle attività durante giornate così favorevoli.

Alcuni gestori dei chioschi di Capocotta stanno valutando un ricorso legale contro questa disparità di trattamento.