Home NOTIZIE ATTUALITÀ Roma, meno camerieri: i locali rischiano di chiudere prima

Roma, meno camerieri: i locali rischiano di chiudere prima

ROMA ZONA ROSSA MERCATO DI CAMPO DE FIORI RISTORANTE, BAR, ASPORTO

Turni più brevi e, se possibile, il fine settimana libero. Sono queste le richieste di aspiranti camerieri e cuochi in bar, ristoranti e pub d Roma. A rivelarlo sono le associazioni di categoria che da tempo monitorano le nuove richieste dei lavoratori capitolini nel settore della ristorazione. Sono soprattutto i più giovani, fanno sapere, a chiedere turni più flessibili.

A causa della difficoltà per trovare nuovi dipendenti “c’è chi è costretto”, tra i gestori di locali, “a rimodulare gli orari. Questo causa un aumento dei costi, perché per un imprenditore ciò significa fare turni in più e gestire una maggiore forza lavoro”, ha spiegato al Messaggero Claudio Pica, presidente della Fiepet Confesercenti Roma.

In futuro sarà quindi possibile trovare locali chiusi nel fine settimana o con le serrande abbassate poco dopo la mezzanotte. “Sempre più persone ci chiedono forme di lavoro part-time di 30 ore”, ha fatto sapere ancora Pica, che ha calcolato che richieste del genere sono aumentate di circa il 30-40% rispetto a cinque anni fa.

Rispetto al 2019, l’ultimo anno prima della pandemia, invece, sono circa 8.000 i lavoratori del settore della ristorazione in meno, secondo una stima di Fiepet-Confesercenti. Un calo dovuto al lockdown e alle restrizioni successive, che per quasi due anni hanno costretto gli imprenditori a fare dei tagli al personale. Negli ultimi mesi la situazione è migliorata: ad oggi il settore ristorazione può contare a Roma 145.000 addetti se si considera l’intero indotto.