35 C
Roma

Omicidio Manuela Petrangeli, l’ex accusato omicidio aggravato e detenzione abusiva arma

Questa mattina, Gianluca Molinaro, l’uomo che ieri ha ucciso a fucilate l’ex compagna Manuela Petrangeli, è stato trasferito nel carcere di Regina Coeli. Ieri pomeriggio, l’uomo di 53 anni ha sparato con un fucile a canne mozze alla sua ex compagna e madre di suo figlio, una fisioterapista di 51 anni, uccidendola in via degli Orseolo, vicino alla clinica dove lavorava. Dopo aver commesso l’omicidio, Molinaro si è costituito presso una caserma dei carabinieri, consegnando l’arma, dopo aver parlato con un’altra ex al telefono. Ha trascorso la notte all’ospedale Sant’Eugenio a causa di un malore.

Attualmente, è in attesa che i pm del pool antiviolenza formalizzino la richiesta di convalida del fermo. Le accuse a suo carico sono di omicidio aggravato e detenzione abusiva di armi. Dopo essersi presentato in caserma, Molinaro è rimasto in silenzio. La sua difesa è affidata all’avvocato Eleonora Nicla Moiraghi.

Omicidio Petrangeli, la reazione della politica

Immediata la reazione della politica. Il sindaco di Roma Roberto Gualtieri ha commentato così il brutale omicidio della fisioterapista: “Il brutale assassinio di Manuela Petrangeli sconvolge tutti. Roma si stringe al dolore della sua famiglia e abbraccia con amore suo figlio. Quello di oggi è l’ennesimo intollerabile femminicidio che avviene nel nostro Paese, al quale le Istituzioni devono reagire in maniera compatta, a partire dall’educazione al rispetto, al dialogo e alla parità di genere”.

Ha aggiunto il sindaco: ”Gli episodi di violenza nei confronti delle donne e i femminicidi non sono solo gesti isolati compiuti da folli, ma anche atti barbari figli di un fenomeno culturale da combattere senza quartiere con educazione e cultura per far accettare l’indipendenza e la libertà delle donne”.

Sull’episodio è intervenuto anche il presidente della Regione Lazio Francesco Rocca: “L’ennesimo drammatico femminicidio non può lasciare nessuno indifferente. Non soltanto la città di Roma, ma tutta la comunità laziale, piange Manuela Petrangeli e si stringe attorno al figlio che lascia. Dobbiamo intervenire con fermezza, per prevenire questo fenomeno inaccettabile – scrive – cominciando dai più giovani, diffondendo una cultura del rispetto assoluto nei confronti delle donne”.

ULTIME NOTIZIE

Trastevere Calcio, rinnova il capitano Massimo

Trastevere Calcio, Massimo resta in amaranto Il Trastevere Calcio annuncia il rinnovo del capitano, Emiliano...

Manuela Petrangeli, oggi il funerale a Roma

Centinaia di persone si sono riunite alla Basilica di Santa Maria della Salute a...

Lazio autorizza agricoltori ad abbattere cinghiali

Nel Lazio gli agricoltori potranno abbattere i cinghiali che invadono i loro terreni. Lo...

“Roma antica in ostaggio”

“Soccombere al "diktat automobilistico", in una città strangolata dal traffico, trasformare le archeologie dell'antica...

Continua a leggere su radioroma.it

NOTIZIE CORRELATE

Manuela Petrangeli, oggi il funerale a Roma

Centinaia di persone si sono riunite alla Basilica di Santa Maria della Salute a...

Roma, teatro e musica al Municipio X: parte ‘Teatro Arena Domma’

'Disney 100', il musical tributo, inaugura domani la rassegna culturale 'Teatro Arena Domma –...

Salute mentale in età evolutiva, al via progetto innovativo a Roma

Roma in prima fila per il benessere mentale dei più piccoli. Sono state infatti...