29.3 C
Roma

Usura e traffico di droga, l’ombra della mafia ad Aprilia: anche il sindaco tra i 25 indagati

Venticinque persone raggiunte da misure cautelari ad Aprilia, alcune delle quali accusate di appartenere a un’associazione mafiosa radicata nella città pontina. C’è anche il sindaco Lanfranco Principilui, come riporta Adnkronos, accusato di reati contro la pubblica amministrazione e ostacolo al libero esercizio del voto – tra gli arrestati nel corso dell’operazione della Dia e del comando provinciale dei Carabinieri di Latina. Un’ampia operazione che prevede misure cautelari per 25 persone, alcune delle quali sono accusate di appartenere a un’associazione mafiosa.

L’organizzazione in questione è coinvolta in estorsioni, usura, reati contro la pubblica amministrazione e traffico di stupefacenti. Le misure sono state emesse dal gip del Tribunale di Roma su richiesta della Dda locale.

Aprilia, l’ombra della mafia

L’esistenza di questa organizzazione criminale di natura mafiosa, attiva ad Aprilia e nei comuni circostanti, è stata rivelata durante le indagini avviate dalla Dia-Centro Operativo di Roma nel marzo 2018. Dal successivo ottobre, il Reparto Territoriale Carabinieri di Aprilia ha fornito supporto, sotto il coordinamento della Dda romana.

L’organizzazione sfruttava la forza di intimidazione del vincolo associativo e l’omertà che ne derivava per commettere vari delitti, come il traffico di droga, l’estorsione aggravata, rapine, lesioni e minacce, con l’obiettivo di imporsi sul territorio e sostenere gli affiliati detenuti. Inoltre, sono state riscontrate attività di usura e di esercizio abusivo dell’attività finanziaria nei confronti di commercianti e imprenditori di Aprilia, con l’imposizione di tassi usurari su ingenti somme di denaro.

Tra le accuse mosse, figurano anche la detenzione e il porto di armi, utilizzate per la consumazione dei reati e per mantenere il controllo del territorio, riaffermando così la superiorità dell’organizzazione. Inoltre, questa mirava a ottenere il controllo diretto e indiretto di attività economiche, appalti e servizi pubblici, ostacolando il libero esercizio del voto. Oltre alle misure cautelari personali eseguite nei confronti degli indagati, il gip ha disposto anche misure cautelari reali, e numerose perquisizioni sono attualmente in corso. I dettagli del blitz saranno comunicati alle 12.30 in una conferenza stampa presso la procura.

ULTIME NOTIZIE

Frosinone, finisce 6-0 il primo test amichevole | Doppietta di Marchizza

L'era Vivarini comincia con un sonoro 6-0 del Frosinone contro la città di Mondragone...

Giubileo, Gualtieri: “Siamo al 90% degli interventi essenziali”

A Palazzo Chigi si è tenuta ieri sera la quattordicesima riunione della Cabina di...

Lorenzo di Livio: “Quest’anno il livello del girone C è aumentato. Essere capitano del Latina è motivo di grande orgoglio”

Il figlio d'arte e capitano del Latina Calcio, Lorenzo di Livio, ha presentato la nuova stagione...

Rapina a ponte Sisto: dall’hashish allo scippo, fermati in piazza Venezia

Rapina a ponte Sisto: dall'hashish allo scippo, ma alla fine vengono fermati in piazza...

Continua a leggere su radioroma.it

NOTIZIE CORRELATE

Rapina a ponte Sisto: dall’hashish allo scippo, fermati in piazza Venezia

Rapina a ponte Sisto: dall'hashish allo scippo, ma alla fine vengono fermati in piazza...

Diplomatico e corriere della droga: colpito da mandato di arresto internazionale

Diplomatico e, al contempo, anche corriere della droga: colpito da mandato di arresto internazionale...

Roma dichiara guerra ai lucchetti: rimossi 7 quintali in giro per la città

Nell'ambito delle attività quotidiane volte alla tutela dell'ambiente e al decoro urbano, gli agenti...