25.1 C
Roma

Spalletti: “Bastoni da valutare. Dimarco è out”

Le parole del CT azzurro, Luciano Spalletti.

Spalletti: “L’emozione è sempre tanta”

Alla vigilia dell’ottavo di finale contro la Svizzera, il commissario tecnico dell’Italia, Luciano Spalletti, ha parlato della gara, fornendo informazioni importante riguardo ai cambi. Di seguito le sue parole:

Che emozioni prova se pensa alla partita di domani?

“L’emozione è sempre tanta, poi se fai il viaggio accanto a Buffon che raccontava qualsiasi cosa di quel periodo le devi assorbire tutte le cose. Dobbiamo essere simili a quella squadra lì domani”.

Il gol di Zaccagni ha dato una scossa mentale alla squadra?

“È venuto perché qualcosa è già successo… Fino all’ultimo secondo siamo rimasti dentro la partita. Dopo quella gara, rivederli dentro quello Shanghai umano è qualcosa che rimane addosso. Sono convinto di poter rivedere cose belle domani”.

Qual è la condizione di Dimarco e Bastoni?

“Bastoni deve essere valutato. Oggi ha fatto un po’ di allenamento e questo ci ha già fatto tirare un sospiro di sollievo. Dimarco non è recuperabile, è out. La squadra giocherà con un qualcosa che assomiglia ad una difesa a 4, dovremo essere più offensivi rispetto a quanto visto”.

C’è la possibilità di vedere Fagioli dal primo minuto contro la Svizzera?

“Ai giovani che spingono bisogna creargli lo spazio che meritano. Lui attraverso la sua naturalezza nell’esercitare il ruolo fa vedere questo, serve solo avere coraggio di dargli lo spazio che merita”.

Quali sono, secondo lei, i pregi e difetti della Svizzera?
“La Svizzera ha un blocco squadra unitissimo, anche se riparti è difficile trovarli lunghi tra i reparti. Hanno la modernità di stare addosso con la linea difensiva, non difendono la porta, leggono sempre la porta, la palla che noi stiamo gestendo. A volte c’è possibilità di andare dietro la linea, perché staranno sempre alti. Se non sei pronto nella loro aggressione diventa difficile ragionare. Dobbiamo migliorare, i primi minuti dei secondi tempi non mi sono piaciuti perché abbiamo fatto qualcosa al di sotto delle nostre possibilità. Servirà l’equilibrio del secondo tempo con la Croazia, siamo stati alti con una squadra offensiva e non abbiamo sofferto quasi niente. Fino all’ultimo secondo siamo stati con la testa, con forza mentale ed energia fisica convinti di potercela fare. E’ stato un miracolo voluto. Per me il pareggio è una cosa corretta per quella partita, poi è chiaro che se lo raggiungi agli ultimi 3 secondi sei fortunato, ma la ricerca è stata quella e siamo stati premiati. Quei 2-3 che sono stati presi ad esempio per aver fatto il loro dovere non sono contenti di questo, dell’essere divisi dalla squadra, perché vogliono condividere tutto”.

ULTIME NOTIZIE

Roma, ancora un’ondata di caldo, emergenza da bollino rosso

Roma, ancora un'ondata di caldo in arrivo con emergenza da bollino rosso. Caldo da...

Andersson, Ds Djurgardens: “Dahl? La Roma non si è fatta sentire”

Il ds del Djurgardens, Bosse Andersson, ha commentato le voci di mercato che vedrebbero Samuel Dahl...

Lazio, Lotito risponde alle accuse: “Abbiamo speso più della Juventus. Greenwood? Se i tifosi lo vogliono mettano i soldi”

Al termine del consiglio federale della FIGC, Claudio Lotito si è espresso sulle critiche ricevute...

Classifica sindaci, come si è piazzato Gualtieri

Classifica sindaci, il primo cittadino di Roma Gualtieri è terz'ultimo in Italia: perse in...

Continua a leggere su radioroma.it

NOTIZIE CORRELATE

Andersson, Ds Djurgardens: “Dahl? La Roma non si è fatta sentire”

Il ds del Djurgardens, Bosse Andersson, ha commentato le voci di mercato che vedrebbero Samuel Dahl...

Lazio, Lotito risponde alle accuse: “Abbiamo speso più della Juventus. Greenwood? Se i tifosi lo vogliono mettano i soldi”

Al termine del consiglio federale della FIGC, Claudio Lotito si è espresso sulle critiche ricevute...

Sitting Volley, le azzurre si preparano a Parigi

Sitting Volley, a Milano il raduno di preparazione in vista delle Paralimpiadi Continua la preparazione...