25.8 C
Roma

Doppia aggressione nel carcere di Frosinone: agenti feriti

Aumenta la drammatica conta dei poliziotti penitenziari aggrediti e feriti in servizio da detenuti nel Lazio. Gli ultimi episodi di violenza sono avvenuti a Frosinone, nel carcere G. Pagliei: “due aggressioni in poche ore, sono una cosa inaccettabile” come denuncia il Sappe. In un caso l’agente è stato colpito alla testa con il cancello della cella ed è stato trasportato in ospedale per accertamenti. Nell’altro il detenuto avrebbe colpito il poliziotto pretendendo di avere la cella aperta per primo.

Doppia aggressione nel carcere di Frosinone: agenti feriti

La prima aggressione spiega il sindacalista del Sappe Salvatore Izzo è avvenuta “alla VI Sezione ex art 32, dove un detenuto psichiatrico ha colpito alla testa l’agente di sezione con il cancello della propria cella procurandogli una prima perdita dei sensi e poi sensi di vertigine, rendendo necessario l’intervento del 118 e l’invio dell’agente al pronto soccorso di Frosinone”.

“Dopo poco – prosegue – verso le ore 13 una nuova aggressione ad un altro poliziotto, questa volta alla V Sezione, dove un detenuto ha colpito alle gambe l’agente della Sezione con un corpo contundente procurandogli delle contusioni e delle escoriazioni solo perché pretendeva che la sua cella fosse aperta prima di quella di tutti gli altri detenuti della sezione”.

Sappe Lazio: “Basta al finto buonismo”

Per il segretario Sappe del Lazio, Maurizio Somma “negli ultimi tempi stiamo assistendo ad un cambiamento sociale, dove il male è visto come bene e viceversa, dove all’esterno del carcere il reato è cattivo ed all’interno chi ha commesso reato sia buono. È giunto il momento di dire basta al finto buonismo, i detenuti che trasgrediscono le regole o peggio ancora che aggrediscono la Polizia Penitenziaria devono essere perseguiti a norma di legge ma soprattutto scardinati dal contesto ove si sentono appoggiati da altri reclusi amici e quindi forti di questo, non esitano a commettere altri reati”.

Per questo, evidenzia il leader nazionale del Sappe, “Il Dipartimento dell’amministrazione Penitenziaria e gli organi Statali preposti devono assumersi le responsabilità ed attuare, ognuno per la parte di propria competenza, azioni mirate a dare garanzia di intervento al corpo di Polizia penitenziaria che opera nell’ultima trincea della giustizia. Il Sappe valuterà ogni forma di tutela, anche in sede giudiziaria, dei colleghi aggrediti e minacciati”.

ULTIME NOTIZIE

Stazione Ottaviano della metro A, da oggi la chiusura per lavori

A partire da lunedì 22 luglio la stazione Ottaviano della linea A della metropolitana...

Maltempo a Roma e nel Lazio, quando e dove piove: allerta gialla

Maltempo in vista per la giornata di oggi, lunedì 22 luglio 2024, a Roma...

Tre detenuti evasi dal carcere minorile di Casal del Marmo

Tre giovani detenuti di origine tunisina sono evasi dal carcere minorile di Casal del...

Domani Kosice-Roma, altra amichevole per i giallorossi

Domani alle ore 19:30 la Roma disputerà la sua seconda amichevole del precampionato in...

Continua a leggere su radioroma.it

NOTIZIE CORRELATE

Tre detenuti evasi dal carcere minorile di Casal del Marmo

Tre giovani detenuti di origine tunisina sono evasi dal carcere minorile di Casal del...

Giochi da tavolo, strumento per sostenere le persone con autismo. Lo studio

I giochi da tavolo sono amati da chiunque trovi del piacere nello stare assieme,...

Una palazzina per il progetto “Dopo di noi”: partiti i lavori di bonifica

Il 16 luglio sono iniziati i lavori di bonifica della palazzina municipale situata in...