27.5 C
Roma

Michelle Causo, la denuncia dei genitori: “L’assassino usa i social in carcere”

I genitori di Michelle Causo, uccisa un anno fa a Primavalle, esprimono preoccupazione e indignazione per l’attività dell’assassino della figlia all’interno del carcere minorile di Treviso. Il giovane, attualmente detenuto, avrebbe partecipato a un corso di informatica e utilizzato i social media per visualizzare e contattare amici della vittima, suscitando gravi allarmi tra i familiari di Michelle. Le loro segnalazioni sembrano essere state ignorate dalle autorità competenti, portando a ulteriori tensioni e richieste di intervento.

L’accusa dei genitori di Michelle Causo

Gianluca e Daniela, genitori di Michelle Causo, hanno denunciato all’Adnkronos che l’assassino della figlia, detenuto nel carcere minorile di Treviso, starebbe creando nuovi profili Instagram per monitorare e contattare le amiche di Michelle.

Secondo i genitori, il giovane, noto per aver tentato di estorcere denaro a ragazze tramite minacce con foto ritoccate, avrebbe continuato a mantenere una presenza attiva sui social media nonostante la detenzione.

Gianluca Causo ha dichiarato di aver segnalato ripetutamente la situazione alle autorità carcerarie, ma senza ricevere alcuna risposta concreta.

La scoperta e le reazioni dei genitori di Michelle Causo

L’episodio è emerso quando una decina di giorni fa un’amica di Michelle Causo ha contattato i genitori della vittima, rivelando che un profilo Instagram, riconducibile all’assassino, aveva visualizzato le sue storie.

Questo profilo, sebbene creato sotto falso nome, mostrava una foto chiaramente riconoscibile del giovane. I genitori di Michelle, già devastati dalla perdita della figlia, si sono sentiti ulteriormente umiliati e frustrati dalla mancanza di intervento delle autorità.

Le condizioni nel carcere minorile di Treviso

Nell’istituto penale per i minorenni di Treviso, il giovane 18enne è recluso insieme ad altri 13 detenuti, due in più rispetto alla capacità massima della struttura.

Fonti interne alla Polizia Penitenziaria confermano che i detenuti hanno a disposizione corsi di informatica e altri laboratori, ma l’accesso ai social media non è autorizzato.

Aldo Di Giacomo, segretario generale della S.Pp., ha dichiarato che il sindacato richiederà verifiche in merito alle accuse mosse dai genitori di Michelle. Le dichiarazioni ufficiali sottolineano che l’utilizzo dei social media da parte dei detenuti non è mai consentito, sollevando la possibilità di violazioni delle regole interne.

La risposta dell’avvocato difensore

Daniele Meles, avvocato difensore del giovane reo confesso, ha dichiarato di non poter confermare né smentire l’accesso del suo assistito al computer. Tuttavia, ha aggiunto che, secondo le sue informazioni, il giovane non avrebbe la possibilità di utilizzare dispositivi informatici.

Meles ha riconosciuto che potrebbe anche sbagliarsi, lasciando aperta la questione delle presunte attività social del detenuto.

ULTIME NOTIZIE

Lazio, accordo economico con Laurientè | Ora serve quello col Sassuolo

La Lazio è vicina al suo prossimo colpo in attacco. Nelle ultime ore ha preso...

Incendi Roma, la denuncia del sindacato: “Mancano autisti”

Al comando dei vigili del fuoco di Roma mancano autisti per guidare autoscale e...

Il Frosinone batte 3-0 i greci del Volos | Ottimi segnali per Vivarini

Nella giornata di ieri il Frosinone ha giocato la sua seconda amichevole pre-season a Fiuggi...

Giunta Zingaretti nei guai per il licenziamento della manager Isabella Mastrobuono

Il licenziamento di Isabella Mastrobuono dai vertici della Asl di Frosinone nel 2017 è...

Continua a leggere su radioroma.it

NOTIZIE CORRELATE

Incendi Roma, la denuncia del sindacato: “Mancano autisti”

Al comando dei vigili del fuoco di Roma mancano autisti per guidare autoscale e...

Giunta Zingaretti nei guai per il licenziamento della manager Isabella Mastrobuono

Il licenziamento di Isabella Mastrobuono dai vertici della Asl di Frosinone nel 2017 è...

Stazione Ottaviano della metro A, da oggi la chiusura per lavori

A partire da lunedì 22 luglio la stazione Ottaviano della linea A della metropolitana...