32.1 C
Roma

Dagli Stati Uniti rientrano opere d’arte dal valore di 60 milioni sottratte all’Italia: presentate a Roma

Presentate oggi a Roma presso l’Istituto Centrale per il Restauro, 600 opere d’arte rimpatriate dagli Stati Uniti dai Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale (Tpc). Opere con un valore stimato di circa 60 milioni di euro.

Le opere, che comprendono beni archivistici, numismatici e soprattutto archeologici risalenti dal IX secolo a.C. al II secolo d.C., sono il risultato di scavi clandestini nel centro-sud d’Italia e di furti a danno di chiese, musei e privati.

Stati Uniti, rientrano in Italia opere per 60 milioni

Tra i reperti rimpatriati, ci sono opere d’antiquariato e beni archeologici di grande valore culturale. Questo importante patrimonio è stato riportato nel nostro Paese grazie al lavoro congiunto delle autorità italiane e statunitensi, sottolineando l’importanza della cooperazione internazionale nella protezione del patrimonio culturale.

Alla cerimonia di presentazione delle opere rimpatriate hanno partecipato il sottosegretario alla Cultura Gianmarco Mazzi, il Comandante dei Carabinieri Tutela del Patrimonio Culturale Francesco Gargaro, il capo della Procura di Manhattan Matthew Bogdanos, il comandante delle Unità Mobili e Specializzate dell’Arma dei Carabinieri Massimo Mennitti e l’ambasciatore degli Stati Uniti a Roma Jack Markell.

Il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano ha dichiarato: “Oggi è una bellissima giornata per il patrimonio culturale della Nazione per il rientro in patria di centinaia di opere d’arte sottratte ed esportate illecitamente all’estero. Grazie all’insostituibile azione dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, una vera eccellenza investigativa della Nazione, insieme alla preziosa collaborazione delle autorità statunitensi, registriamo un ulteriore successo su questo fronte. Riportare in Italia questi beni permetterà anche di sanare tante ferite che si sono aperte negli anni nei territori dove sono stati trafugati, privando le comunità di pezzi importanti della loro identità. Fondamentale, anche in questa lunga e articolata attività, è stata la ‘Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti’ del MiC, che rappresenta il più grande archivio al mondo di beni d’arte rubati, con informazioni su oltre 7 milioni di oggetti censiti, di cui oltre 1.3 milioni di opere da ricercare”.

Ha aggiunto il Sottosegretario alla Cultura, Gianmarco Mazzi: “Il rientro in Italia di beni culturali di tale importanza, sia per la loro consistenza numerica che per il valore storico-artistico, è un altro traguardo significativo. Oltre ad essere opere d’arte di inestimabile valore rappresentano l’alta espressione della nostra storia, della nostra cultura e della nostra identità nazionale la cerimonia di oggi è, inoltre, una testimonianza concreta della forza della cooperazione internazionale con gli Stati Uniti d’America”.

ULTIME NOTIZIE

Roma, al via Vinoforum 2024: fino a domenica al Circo Massimo

Degustazioni, master class, cene con grandi chef tutto nella cornice del Circo Massimo a...

Roma tra migliori città per studenti universitari

Roma, insieme a Milano e Torino, è tra le migliori città studentesche italiane, nella...

Incendio al Palazzaccio, Corte di Cassazione evacuata

Un incendio è divampato poco prima del mezzogiorno all'interno di alcuni uffici al terzo...

Tenta di arrampicarsi su Fontana di Trevi, bloccato

Voleva salire su uno dei cavalli ornamentali della Fontana di Trevi, ma è stato...

Continua a leggere su radioroma.it

NOTIZIE CORRELATE

Piromane al centro di Roma, colto con petardo in tasca

Piromane al centro di Roma, beccato perfino con petardo in tasca. Paura nel cuore della...

Roma, segue una donna a casa e la violenta nei lavatoi del palazzo: arrestato 32enne

Sfuggita alle molestie per strada aveva cercato rifugio nel palazzo di casa, ma il...

Va in vacanza e abbandona la madre disabile che muore di stenti: arrestata la figlia

Invece di occuparsi della madre invalida e non autosufficiente ha fatto le valige per...