15.6 C
Roma

MobilitAria 2024, l’inquinamento non cresce nelle città italiane: a Roma -4% Pm10

L’inquinamento non cresce nelle città metropolitane d’Italia; lo testimoniano i risultati del rapporto ‘MobilitAria 2024’ che analizza i dati della mobilità e della qualità dell’aria . Lo scorso anno non sono aumentati i valori di Biossido di Azoto (NO2) e sono diminuite le concentrazioni di Pm10. Buone notizie anche per Roma. Nella Capitale l’NO2, inquinante generato dai processi di combustione, è diminuito del 3 per cento e si è registrato anche un decremento delle concentrazioni del Pm10 (-4%).

MobilitAria 2024, l’inquinamento non cresce nelle città italiane: a Roma -4% Pm10

Per quanto riguarda le concentrazioni di particolato Pm2,5 in ognuna delle città analizzate è avvenuta una diminuzione della concentrazione. Insomma tranne che in pochi casi e comunque con moderazione il livello di smog nel 2023 non è cresciuto

Il Rapporto ‘MobilitAria 2024’ realizzato da Kyoto Club e dell’Istituto sull’Inquinamento Atmosferico del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iia) ha analizzato le 14 città metropolitane italiane: Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma, Torino, Venezia.

I dati sulle 14 città metropolitane

Per quanto riguarda l’NO2, la maggior parte delle città esaminate ha registrato, seppur di pochi punti percentuale, una riduzione delle concentrazioni medie (Roma e Catania -3%, Torino -8%, Firenze -12%, Milano -8%, Genova -13%, Napoli -3%, Venezia e Messina -4%, Palermo -6%) mentre restano invariate quelle di Cagliari, Bologna e Bari.

Per le città di Roma (-4%), Torino (-12%), Milano (-20%), Genova (-5%), Bari (-4%), Bologna (-16%), Cagliari (-4%), Napoli (-4%), si è registrato un decremento delle concentrazioni del Pm10, mentre per Messina (10%), Palermo (4%) e Firenze (4%) il 2023 è stato un anno in modesta risalita, restano stabili Venezia e Catania. Nonostante la generale tendenza in discesa delle concentrazioni, per Torino, Milano, Cagliari, Napoli e Venezia si rilevano diversi episodi di superamento del limite annuale.

Mobilità tornata alla situazione pre pandemia

“Nel 2023 l’andamento della mobilità nelle principali città italiane è progressivamente tornato alla situazione precedente alla pandemia Covid-19. La mobilità urbana è ripresa, l’auto è rimasta protagonista degli spostamenti urbani e il tasso di motorizzazione, tra i più elevati dell’Ue, ha continuato ad aumentare” si legge nel rapporto.

Le proposte di Kyoto Club e Cnr: “Mit agevoli la sperimentazione di città 30”

In occasione della presentazione di MobilitAria 2024, Kyoto Club e Cnr-Iia lanciano una serie di proposte condivise per l’implementazione di politiche di mobilità sostenibile e per una decarbonizzazione delle città.

“In primo luogo, si chiede di sostenere le virtuose esperienze delle Città 30, sull’esempio di Bologna, prima grande città italiana a sperimentare un limite generalizzato dei 30km/h sulle strade urbane un modello sempre più comune tra le città europee grandi e medie, da Grenoble in Francia a Graz in Austria, alla Città metropolitana di Bruxelles in Belgio, da Londra in Gran Bretagna a molte città spagnole e in Scozia, registrando dati rilevanti a breve termine circa la diminuzione della mortalità dei pedoni. Chiediamo che il Mit agevoli la sperimentazione di città 30″, dicono Kyoto Club e Cnr-Iia.

Sicurezza stradale

Inoltre, “nel merito della sicurezza stradale, servono regole e l’utilizzo di nuove tecnologie al fine di regolare il traffico privato, controllare i limiti di velocità mediante autovelox e ridisegno dello spazio urbano. Il nuovo Codice della Strada approvato dalla Camera dei deputati sembra puntare verso un’altra direzione”.

“Chiediamo una modifica al nuovo Codice della strada – sottolinea Anna Donati, coordinatrice del gruppo di lavoro ‘Mobilità sostenibile’ di Kyoto Club – una riforma che è stata proposta ‘per salvare vite in strada’ ma che nella sostanza prefigura il persistere della strage. Questo provvedimento limita molto l’autonomia di azione delle amministrazioni comunali, attacca e depotenzia Ztl, aree pedonali, sosta regolamentata, controlli elettronici e mobilità ciclistica. Tali misure ci allontanano dagli obiettivi del Piano Sicurezza Stradale 2030. Perciò il Kyoto Club chiede al Senato della Repubblica di correggere il testo licenziato a marzo 2024 dalla Camera dei deputati e di approvare un Codice della Strada a misura delle persone, che incrementi la sicurezza stradale e che restituisca strumenti di regolazione concreti alle città”.

ULTIME NOTIZIE

Giubileo, la Cisl lancia l’allarme caldo: serve sicurezza nei cantieri

Nei prossimi giorni, Roma si troverà ad affrontare una grave ondata di caldo con temperature...

Ritorna “Buffalo”, la danza contemporanea al Macro di Roma

Dal 19 al 20 giugno, il Macro - Museo di Roma d’Arte Contemporanea, ospiterà...

Rapina in casa del manager da falsi finanzieri: bottino da 300mila euro

La mattina del 13 giugno, un manager romano di 56 anni è stato vittima...

Spaccio eroina nella Capitale, pusher pendolare in manette

Spaccio eroina nella Capitale, pusher pendolare in manette: dove, esattamente? E come sono andati...

Continua a leggere su radioroma.it

NOTIZIE CORRELATE

Giubileo, la Cisl lancia l’allarme caldo: serve sicurezza nei cantieri

Nei prossimi giorni, Roma si troverà ad affrontare una grave ondata di caldo con temperature...

Il Mistero del Campanile

Focus sul mistero del campanile di Bassano in Teverina. Il mistero del campanile di Bassano Racconteremo...

Polis – I Misteri di Bassano – Puntata di Giovedì 13 Giugno 2024

I misteri di Bassano in Teverina sono i protagonisti di questa puntata. I misteri di...