17.3 C
Roma

Simboli nazisti sui manifesti per la festa della Liberazione. Parla Marina Pierlorenzi (ANPI)

Pierlorenzi (ANPI): «Io non credo che tutti quanti associno al simbolo esattamente il significato. Questa è la cosa più grave perché l’ignoranza è talmente tanta che quando uno fa dei segni, non sapendo che quel segno significa morte e distruzione, significa annientamento, questo è ancora più grave.

Simboli nazisti sui manifesti per la festa della Liberazione in zona Appio-Latino. Alla vigilia del 25 aprile su uno dei cartelloni è stato scritto “festa del vile”. Non solo, su un manifesto con cui l’Anpi annuncia il corteo programmato per quel giorno a Porta San Paolo è scritto ‘Onore alla RSI’ e poi la parola ‘negri’.

«La storia non si può riscrivere – dice Marina Pierlorenzi, presidente ANPI provinciale Roma – la storia della Resistenza italiana e di quella europea per liberare l’Italia e gli altri Paesi dal nazifascismo che sono stati una dittatura terribile e che hanno portato a una guerra sanguinosissima con milioni di morti e con una serie di istruzioni morali e materiali incredibili, è qualcosa di veramente ripugnante. Secondo me c’è un’ ignoranza di fondo, di mancata conoscenza della storia e della Costituzione e soprattutto del fatto che questa festa del 25 Aprile è la festa di tutto il popolo italiano

Pierlorenzi: «Non tutti associano il simbolo al significato»

Svastiche, croci celtiche e fasci littori sono apparsi anche a Trastevere, al centro di Roma, e in altre zone. Tutte parole e simboli di cui si dovrebbe capire il significato, quindi, ma che probabilmente – o volutamente – volevano mandare un messaggio preciso.

«Io non credo che tutti quanti associno al simbolo esattamente il significato. Questa è la cosa più grave perché l’ignoranza è talmente tanta che quando uno fa dei segni, non sapendo che quel segno significa morte e distruzione, significa annientamento, questo è ancora più grave. Però io lo attribuisco in gran parte all’ignoranza e alla stupidità»

Ma la realtà è un’altra ed è più importante di qualsiasi simbolo venga usato. Si deve ricordare che quella del 25 aprile «non è una festa appannaggio di qualcuno: la Resistenza l’hanno fatta i popolari, i cattolici, i comunisti, i socialisti, il partito d’azione e i repubblicani, i liberali, i monarchici

Le immagini di quei manifesti hanno fatto il giro dei social e in molti sono rimasti sconcertati perché il pensiero va a chi rappresenta il futuro di domani.

«C’è uno stato di grande amarezza perché penso che i giovani e le giovani oggi abbiano delle possibilità immense di sapere, di capire. Ci sono i social che aiutano tanto, le tecnologie, ma il fatto di vedere che sono ispirati da cattivi maestri mi sembra veramente una cosa triste, veramente triste.»

Leggi Anche

Frosinone, comincia la preparazione in vista dell’Udinese

Frosinone, ancora personalizzato per Mazzitelli Il Frosinone prepara la sfida contro l'Udinese. Di Francesco fa...

Gasperini: “Si dice che il momento giusto è quando vinci, perché non cali nella considerazione”

Gasperini: "Dovremmo fare una gara attenta" Gianpiero Gasperini, tecnico dell'Atalanta, ha presentato la storica finale...

Claudio Ranieri saluta il calcio

Giovedì l'ultima gara di Claudio Ranieri in panchina Claudio Ranieri, storico allenatore del Cagliari, della...

L’oasi di Ninfa arriva anche in Spagna: inaugurato il parco ad Algueña

Il borgo di Doganella di Ninfa e la cittadina di Algueña, situata nella comunità...

Continua a leggere su radioroma.it

ARTICOLI CORRELATI

Frosinone, comincia la preparazione in vista dell’Udinese

Frosinone, ancora personalizzato per Mazzitelli Il Frosinone prepara la sfida contro l'Udinese. Di Francesco fa...

Gasperini: “Si dice che il momento giusto è quando vinci, perché non cali nella considerazione”

Gasperini: "Dovremmo fare una gara attenta" Gianpiero Gasperini, tecnico dell'Atalanta, ha presentato la storica finale...

Claudio Ranieri saluta il calcio

Giovedì l'ultima gara di Claudio Ranieri in panchina Claudio Ranieri, storico allenatore del Cagliari, della...