15.6 C
Roma

Blitz dei movimenti per la casa a Roma: attivisti sulla cupola della chiesa

Protesta dei movimenti per la casa oggi a Roma. Una decina di persone sono salite sulla cupola della Chiesa in piazza Madonna di Loreto, davanti a piazza Venezia e hanno srotolato tre striscioni su cui si legge “Recuperare casale, indietro non si torna”, “Libertà di movimento, cancelliamo l’articolo 5” e “Diritto di residenza”. In piazza sono presenti un centinaio di altri manifestanti. Sul posto le forze dell’ordine.

Blitz dei movimenti per la casa a Roma: attivisti sulla cupola della chiesa

Il blitz come spiegato sui social dai Blocchi Precari Metropolitani e del Coordinamento Cittadino Lotta per la casa è stato deciso per chiedere il “superamento della direttiva Gualtieri” firmata nel 2022 dal sindaco che autorizza la “deroga” all’art. 5 del decreto “Lupi” per arrivare alla abolizione dell’articolo della legge del 2014.

I motivi della protesta

La direttiva che permette a chi occupa di poter chiedere la residenza e poter quindi accedere ai servizi essenziali, come il medico di base, per i movimenti per la casa ha comunque dei limiti. Si chiede quindi la cancellazione dell’articolo 5 “strumento escogitato dal ministro Lupi e dal governo Renzi nel 2014 che in questo decennio ha soltanto generato discriminazione e confusione”.

Leggi anche: Roma, fuga di gas in via dell’Acqua Bullicante: palazzo evacuato e negozi chiusi

“E’ necessario un ulteriore passo in avanti. Questa volta decisivo – scrivono su Facebook Blocchi precari metropolitani -. Soprattutto per uscire da una gestione emergenziale della crisi abitativa che attanaglia Roma, avviando un percorso capace di garantire il diritto alla residenza nel luogo in cui si abita, un’accoglienza dignitosa e la garanzia di una libertà di movimento: tutti diritti oggi decisamente limitati, se non apertamente negati”.

“Questione di vitale importanza per decine di migliaia di persone”

“Con la nostra mobilitazione di oggi – scrivono ancora i movimenti per la casa – intendiamo accendere i riflettori su una questione di vitale importanza per decine di migliaia di persone (solo in questa città!), sostenendo una campagna che è attiva a Roma e in tutta Italia per chiedere che la residenza anagrafica sia accessibile per tutte le persone a livello locale, e la definitiva cancellazione dell’art. 5 del Piano Casa Renzi-Lupi a livello nazionale”.

“Per questo – aggiungono – chiediamo alle associazioni, alle realtà sociali, alle forze politiche e ai singoli parlamentari, assessori, consiglieri comunali e municipali di lavorare insieme per ottenere la cancellazione di un articolo di legge anticostituzionale. Non potremo mai parlare di ius soli o ius culturae senza fare prima questo passaggio”.

ULTIME NOTIZIE

Ritorna “Buffalo”, la danza contemporanea al Macro di Roma

Dal 19 al 20 giugno, il Macro - Museo di Roma d’Arte Contemporanea, ospiterà...

Rapina in casa del manager da falsi finanzieri: bottino da 300mila euro

La mattina del 13 giugno, un manager romano di 56 anni è stato vittima...

Spaccio eroina nella Capitale, pusher pendolare in manette

Spaccio eroina nella Capitale, pusher pendolare in manette: dove, esattamente? E come sono andati...

Il Mistero del Campanile

Focus sul mistero del campanile di Bassano in Teverina. Il mistero del campanile di Bassano Racconteremo...

Continua a leggere su radioroma.it

NOTIZIE CORRELATE

Il Mistero del Campanile

Focus sul mistero del campanile di Bassano in Teverina. Il mistero del campanile di Bassano Racconteremo...

Polis – I Misteri di Bassano – Puntata di Giovedì 13 Giugno 2024

I misteri di Bassano in Teverina sono i protagonisti di questa puntata. I misteri di...

Economia, Regione Lazio al fianco delle imprese della cooperazione internazionale

https://www.youtube.com/watch?v=lgzBxnkA9Yk Per tracciare un percorso verso la sostenibilità e la crescita socioeconomica non si può...