18.3 C
Roma

Romics, dove il limite tra fantasia e realtà diventa impercettibile

250 espositori, 5 padiglioni, oltre 100 presentazioni: il tutto in 70.000 mq espositivi. Al Romics la genialità e la minuzia sono le protagoniste.

 

Non capita spesso di incontrare Mrs. Doubtfire oppure John Kramer di ‘Saw’ al di fuori dei relativi film o serie. Eppure alla Nuova Fiera di Roma, dal 4 al 7 aprile 2024, è diventato realtà ciò che in verità rientra nei territori della fantasia, grazie alla cura del dettaglio, alla passione e al divertimento dei vari interpreti. Sono proprio queste le caratteristiche del 32° appuntamento con il Romics, una kermesse incredibile con eventi, spettacoli ed incontri, che ha lo scopo di educare ed intrattenere il pubblico.

Il Festival Internazionale del Fumetto, Animazione, Cinema e Games, ideato nel 2001 da Isi.Urb e Investimenti Spa, raduna ogni anno, nei suoi due appuntamenti, oltre 350.000 visitatori, che per l’occasione viaggiano letteralmente attraverso altri mondi. Un setting che contempla ben 250 espositori su 5 padiglioni, oltre 100 presentazioni: il tutto in 70.000 mq espositivi. Ed ecco che genialità e minuzia sono le vere protagoniste di questo appuntamento e Radio Roma, media partner dell’evento, ha avuto l’occasione più unica che rara di raccontare l’intera esperienza della XXXII edizione.

Le tantissime realtà che ruotano come pianeti attorno al Romics, sono l’espressione dell’amore e della dedizione che ognuno mette nel dare il proprio contributo. Ad esempio, Indiabiba è una social influencer che ha offerto le sue competenze al servizio di chi volesse consigli su come migliorare il trucco. O ancora, Mrs. Doubtfire – interpretata da Giovanni Martino – ha sottolineato ai microfoni di Radio Roma come questo Festival sia un’occasione per “Incontrare personaggi non solo dei fumetti, ma anche del mondo dello spettacolo o dei film”.

D’altronde l’espressione giusta da utilizzare è che in tale circostanza si può essere ciò che si vuole o chi si vuole, perché il Romics è il luogo esatto dove soddisfare curiosità e passione sul mondo delle illustrazioni, dei games, del cinema e dei fumetti. Allo stesso tempo, è lo spazio dove esibire le proprie creazioni, come accade per i cosplay.

Romics, è il dettaglio che fa la differenza

L’atmosfera è talmente tanto magica che si può incontrare Millie e Moxxie da Helluva Boss, grazie alla fantasia di Valerio Coppi ed Elisa Massarenti, coppia nella vita e nell’interpretazione. E ancora, Alessandro Fracassi, nelle vesti di Goku, intento a prelevare presso uno sportello di un bancomat. Oppure si può incappare in un servizio di sicurezza alquanto bizzarro, ossia i Ghostbusters: Gilles Antonelli, Piero Giovanni Castiglia, Simone Mervoglino, Michelangelo Tozzi, sono sempre pronti ad intervenire con il loro ruolo di acchiappa-fantasmi.

Tra la folla, appaiono le figure di Captain Spaulding e Penny Wise, interpretate da Veronica Messina e Alessandra Galafate, con la loro rivisitazione dei personaggi in una versione femminile mozzafiato. O ancora, ecco che di colpo appaiono i Power Rangers con i loro vestiti sgargianti e salutando con le movenze che tutti conosciamo.
Tra i visitatori, c’è poi una coppia che sta praticando una particolare terapia con l’Associazione YGGDRASIL Italia: Marco Strafella e Davide Mariani stanno infatti cercando di risolvere, una volta per tutte, dei piccoli problemi di coppia tra Umberto Novellis (Torturato) e Natalia Larroza (Torturante) in maniera scherzosa e molto originale. Un grande onore, per molti, poter incontrare CiccioGamer89, lo YouTuber che sottolinea quanto sia prezioso avere attorno – perché no, anche ad un tavolo – una community come quella con cui lui stesso è cresciuto professionalmente, portando le sue passioni al centro di tutto ciò che fa.

Girando tra i padiglioni del Romics, si intravede anche una figura molto conosciuta: Batman, ma questa volta non da solo. Ha accanto uno dei più noti illustratori di supereroi, Simone Bianchi. Insignito del Romics d’Oro, Simone è l’autore del manifesto della XXXII edizione del Festival.

romics

Altra figura di spicco – vincitrice del Romics d’Oro – è Vanna Vinci, fumettista ed illustratrice italiana i cui libri sono stati tradotti in Francia, Germania, Regno Unito, Spagna, Corea, Polonia.
E poi si può incontrare anche una figura internazionale, una sorta di supereroe in carne ed ossa: Dylan Cole, Digital Painter che nell’occasione ha ricevuto il Romics d’Oro. Tra i tanti ruoli che riveste, è anche il co-produttore di “Avatar: The Way of Water”, e continuerà con tale progetto per molto tempo ancora, concentrandosi su tutti gli elementi naturali, gli ambienti, le creature, i personaggi e le culture che lo animano.
Continuando con il viaggio tra le infinite storie del Romics, si arriva a quella del gruppo I Cavalieri del Re, che conosciamo grazie ai grandi successi delle indimenticabili sigle televisive, dall’L’Uomo Tigre a Lady Oscar, da Devilman fino a Yattaman. Riccardo Zara, leader del gruppo, ha ricevuto il Romics d’oro durante la XXXII edizione del Festival, ma assieme al suo gruppo ha fatto cantare e sognare diverse generazioni.

Al Romics si nota non solo la passione, ma anche la cura del dettaglio di cui spesso si vede solo il prodotto finale senza considerare, però, le ore o gli anni di lavoro per realizzarlo. Così raccontano Leonardo Farabi, Alessio Moriconi, Luigi Federico Mameli, Nicolò Versiglioni, Federico Domenichini, ossia i vincitori del premio Miglior Gruppo Cosplay Award“.

Ma le sorprese non finiscono qui, perché dietro l’angolo c’è qualcosa di particolare, come il Team Rock’et Cartoon Band, un gruppo che accosta le voci dei cantanti alla lingua dei segni facendo arrivare la loro passione per la musica e per i cartoni animati a tutti, piccoli e grandi. Questi artisti si aggiornano costantemente con le sigle prodotte fino ad oggi per rivolgersi soprattutto alla generazione Z che spesso si muove alla velocità della luce tra vecchie e nuove abitudini. Non a caso il loro saluto è: “Pronti a partire alla velocità della luce”.

Lungo il viaggio si può però anche incontrare chi ha addirittura attraversato l’oceano per essere ad un così importante evento. Si tratta di Dan Panosian, fumettista statunitense, che ha ricevuto il Romics d’oro. Dagli USA fino a Roma, è arrivato nella Capitale per ritirare un premio che per lui rappresenta un onore. Tanti i progetti nelle sue mani e in testa, ma una curiosità su questo grande artista – che in pochi sanno – è che la sua città natale sia Cleveland, Ohio. Ovvero la città dove sono nati i supereroi, ed evidentemente “il richiamo” lo aveva perciò proprio nel sangue, se gran parte della sua carriera artistica l’ha dedicata ai più grandi supereroi, da Capitan America a Batman, da Spider-Man a Thor.

Le persone che si affacciano al Romics ne diventano esse stesse protagoniste, con i loro personaggi e i loro costumi. Tra supereroi e protagonisti di romanzi o dei film, si continua il racconto con il “Cosplay Award” ricevuto da Martina Campo che ha interpretato Esmeralda; con Andrea Tassini e Aurora Fatano nei panni di Zar Nicola II e Anastasia; con Federica Macrì che ha portato sul palco del Romics il personaggio di Rosalinda di Super Mario.

Il Romics, quindi, è un mix di arte, di passione e di genialità che rende l’appuntamento unico e speciale nel suo genere. Simili eventi entrano a gamba tesa nel settore della cultura e dell’arte, riunendo tanti appassionati e migliaia di curiosi, che a fine giornata torneranno alle proprie case arricchiti dal piacere d’aver vissuto un’avventura, e avendo potuto così sperimentare ad ogni passo quel valore aggiunto che la creatività porta con sé.

ULTIME NOTIZIE

Sangue in metro: uomo accoltellato in fin di vita

Sangue in metro: ancora una volta nella Capitale emerge un caso di violenza così...

Rock in Roma 2024, ecco Gemitaiz: data, scaletta, anticipazioni

Rock in Roma 2024 sta per aprire le 'danze': a suon di rock, ovviamente....

CCCP, apertura di Rock in Roma 2024: tutte le info

CCCP, apertura spettacolare e attesissima per Rock in Roma 2024: quello che in tanti...

Rock me pride a Rock in Roma, evento nell’evento

Rock me pride a Rock in Roma: all'interno della kermesse attesissima, ecco l'evento nell’evento. ...

Continua a leggere su radioroma.it

NOTIZIE CORRELATE

Sangue in metro: uomo accoltellato in fin di vita

Sangue in metro: ancora una volta nella Capitale emerge un caso di violenza così...

Numeri record per la 12 Ore Nuotando con amore: in 900 alla staffettona a sostegno di Aism Roma

Numeri record per la 12 Ore Nuotando con amOre. La staffettona di nuoto e...

Lavoro minorile, Antonella Inverno: “Numeri e intensità allarmanti di sfruttamento del lavoro minorile”

https://www.youtube.com/watch?v=N4qxDVu6UQQ C’è un principio che in occasione della Giornata Mondiale contro il Lavoro Minorile va...