Home SPETTACOLI EVENTI Teatro, a Roma in scena ‘Interruzioni’ di Carmen Di Marzo

Teatro, a Roma in scena ‘Interruzioni’ di Carmen Di Marzo

Carmen Di Marzo, nuova aggiunta al cast di ‘Mare Fuori 4’ in onda su Raidue dal 14 febbraio, interpreterà il ruolo di Gisella. Dal 15 al 18 febbraio sarà a Roma presso il Teatro Lo Spazio, protagonista dello spettacolo ‘Interruzioni’ di Camilla Ghedini, diretto da Paolo Vanacore.

Gli spettacoli a Roma 

Lo spettacolo presenta una vera e propria udienza dove l’imputata, accusata di figlicidio, è confinata a un tavolo dal quale non può alzarsi. Il raro evento in cui una madre compie un tale gesto porta a una profonda disperazione. Come può accadere che un bambino venga ucciso nel suo luogo più sicuro, dalle mani di chi dovrebbe proteggerlo?

Carmen Di Marzo in scena a Roma

È cruciale comprendere e accettare che il bene e il male possono coesistere e, di conseguenza, possono costruire o distruggere. In Italia, si stima che ci siano circa 25 casi di infanticidio/figlicidio all’anno. Si definisce infanticidio quando il bambino ha meno di un anno, figlicidio tra 1 e 8 anni.

Oggi, questo fenomeno coinvolge anche uomini, spesso portati al suicidio. Dal 2010 ad oggi, in Italia sono stati uccisi 268 bambini. Nel solo 2022, ricordiamo casi come Davide Paitone, 40 anni, che uccide il figlio di 7 anni e tenta di uccidere la moglie; Martina Patti, 23, che uccide la figlia di 5 anni e denuncia il finto rapimento; Alessia Pifferi, che lascia sola a casa la figlia facendola morire di stenti. Questi eventi richiedono una riflessione approfondita oltre alla mera cronaca.

Un contributo significativo per arricchire l’interpretazione di Di Marzo è quello di Alessandra Bramante, psicologa, psicoterapeuta e criminologa che da anni segue i principali eventi di cronaca del nostro Paese. ”’Interruzioni’ di Camilla Ghedini per Giraldi Editore è il mio nuovo monologo teatrale adattato da Paolo Vanacore, che cura anche la regia – spiega Di Marzo – La produzione è di Progettarte di Francesco Zarzana, con le musiche del Maestro Alessandro Panatteri. Questo lavoro conclude la mia trilogia sulla violenza e le sue varie forme”.