Home NOTIZIE CRONACA Furgone cade in mare al Porto di Civitavecchia, senza freno spinto dalle...

Furgone cade in mare al Porto di Civitavecchia, senza freno spinto dalle raffiche di vento in acqua

il recupero del furgone caduto in mare al porto di Civitavecchia

Momenti di paura oggi al porto di Civitavecchia dove un furgone è caduto in mare. Fortunatamente all’interno del mezzo non c’era nessuno, come accertato dalle verifiche dei vigili del fuoco, così l’intervento si è concentrato sul recupero del veicolo.

Furgone cade in mare al Porto di Civitavecchia, forse senza freno e spinto anche dalle raffiche di vento in acqua

I fatti sono accaduti intorno alle 10 di oggi martedì 28 novembre sul molo 25 del porto di Civitavecchia, quando un autofurgone telonato è caduto in mare. Secondo i primi accertamenti, è possibile che l’autista abbia dimenticato di azionare il freno a mano e di inserire la marcia, così il mezzo è finito in acqua.

Leggi anche: Allerta meteo a Roma per forte vento: ordinanza del sindaco Gualtieri in serata, chiusi parchi e cimiteri

Complice dell’incidente anche il vento forte che in queste ore si sta abbattendo sul Lazio in particolar modo nelle zone costiere. Una raffica di troppo e il furgone è stato spinto fino a cadere in mare.

Il tentativo, fallito, di agganciare il mezzo con una cima per evitare la caduta in mare

Il conducente del furgone un ragazzo di nazionalità ucraina fortunatamente non era all’interno del mezzo. Il primo intervento è stato messo in atto da alcune persone presenti sul posto che hanno tentato di agganciare al furgone una cima per evitare la caduta in mare. Il tentativo però non ha funzionato.

Le verifiche con un sub per accertare che nessuno fosse a bordo, poi la rimozione con la gru

recupero furgone caduto in mare porto civitavecchia
il recupero del furgone caduto in mare al porto di Civitavecchia

E’ stato quindi chiesto l’intervento dei soccorsi che ha portato sul posto i vigili del fuoco di Civitavecchia con la squadra 17A che ha coordinato le operazioni, personale della Capitaneria di porto e della Polizia di Stato.

I caschi rossi hanno verificato grazie anche ad un sommozzatore che non ci fossero altre persone a bordo del furgone. Poi con l’ausilio di una gru per grandi sollevamenti sono riusciti ad imbragare il furgone che è stato recuperato e portato sul molo.