Home NOTIZIE ATTUALITÀ Giorgio Onorato, chi era il cantante che ha portato Roma nel Mondo

Giorgio Onorato, chi era il cantante che ha portato Roma nel Mondo

Roma piange la perdita di Giorgio Onorato, icona della voce ‘tenorile’ e interprete indimenticabile di melodie romane. Nato nel cuore di Testaccio nel 1927, Onorato ha incantato gli ascoltatori con la sua espressione arguta e il timbro morbido.

La sua carriera radiotelevisiva iniziò negli anni ’50 alla Rai, partecipando a programmi come ‘Sorella Radio’ e ‘Campo d’ Fiori’.

Il suo contributo alla canzone folkloristica romana e al Festival della Canzone Romana è indelebile. Questo articolo onora la memoria di Giorgio Onorato, anticipando i suoi funerali domani alle 12 nella chiesa di Santa Maria Liberatrice a Testaccio.

Chi era Giorgio Onorato

Giorgio Onorato, nato il 13 novembre 1927, ha trascorso una vita dedicata all’arte della voce, diventando una figura di spicco nel panorama musicale romano. La sua carriera iniziò negli anni ’50 quando varcò le porte della Rai, partecipando a trasmissioni radiofoniche di grande successo come ‘Il microfono è vostro’ e ‘Sorella Radio’.

Guidato dai preziosi consigli della celebre cantante lirica Toti Dal Monte, Onorato sviluppò una voce ‘tenorile’ unica, capace di catturare l’essenza della canzone folkloristica romana.

Figlio di Testaccio a Roma

Il quartiere Testaccio, dove Onorato vide la luce per la prima volta, rimase sempre al centro della sua identità. Il figlio, Roberto, condivide che il padre era fiero della sua appartenenza testaccina e quindi la scelta di celebrare i suoi funerali nella chiesa di Santa Maria Liberatrice a Testaccio è un tributo appropriato alla sua vita e al suo legame con il quartiere.

Oltre alla sua presenza sulla scena radiofonica, Giorgio Onorato contribuì significativamente alla diffusione della canzone folkloristica romana nel panorama internazionale.

Il Festival della Canzone Romana, ideato da Lino Fabrizi, vide la partecipazione di Onorato insieme a illustri artisti come Renato Zero, Carlo Verdone, e Franco Califano. La sua eredità è intrinsecamente legata alle note delle melodie romane che ha portato in giro per il mondo, contribuendo a preservare e promuovere la ricchezza culturale della Capitale.

L’addio a Giorgio Onorato rappresenta la chiusura di un capitolo importante nella storia della musica romana. I suoi funerali, fissati per il 24 novembre alle 12 nella suggestiva cornice della chiesa di Santa Maria Liberatrice, saranno un’occasione per amici, familiari e ammiratori di condividere il ricordo di un’icona musicale indimenticabile.