Home NOTIZIE ATTUALITÀ Avv Sara Astorino, Aduc consumatori e utenti a Non Solo Roma...

Avv Sara Astorino, Aduc consumatori e utenti a Non Solo Roma – 10/10/2023

DA GENNAIO STIPENDI Più BASSI NEL LAZIO: LA REGIONE NON RINNOVA IL FONDO TAGLIA TASSE DA 300 MILIONI

Ospite in collegamento avv. Sara Astorino, Aduc consumatori e utenti

Roma e nel Lazio secondo una recente statistica, da gennaio in avanti gli stipendi saranno più bassi: 400 euro in meno all’anno in busta paga. Come mai? Da dove nasce il problema?

La Regione, colpita da un debito ingente, non potrà rifinanziare il Fondo taglia tasse da 300 milioni. Crescerà l’Irpef e saranno danneggiati i contribuenti medi. Insomma, un quadro tutt’altro che idilliaco.

Sono circa 400 euro in meno in busta paga. Secondo quanto emerge nella Regione Lazio e a Roma si pagheranno più tasse rispetto al resto d’Italia. I cittadini con reddito dai 15 mila ai 40 mila euro, pari a due milioni di contribuenti, pagheranno l’1,6% in più di irpef ogni mese, l’addizionale regionale.

Il risultato finale dica in pratica questo: i cittadini del Lazio, compresi pensionati e lavoratori autonomi, perderanno in busta fino 400 euro. all’anno.

E se si pensa al caro vita, al carrello della spesa aumentato, al rincaro benzina e quello dell’energia il quadro è pieno.

I problemi legati agli addizionali irpef erano stati in passato curati con provvedimenti come il cosiddetto “taglia tasse” della Regione Lazio.  Nel corso del tempo questo provvedimento è stato confermato.

Nel tempo la Regione ha dovuto intavolare un dialogo con il Governo per quanto riguarda la rimodulazione del debito che era nel 2021 era pari a circa 22,75 miliardi di euro. Lo scorso 29 settembre la Corte dei Conti ha parificato il rendiconto del Lazio 2022.

La sintesi in soldoni è che  i cittadini laziali dovranno esser pronti a tirare fuori molti più soldi partire da gennaio 2024. Chi ha un reddito fino a 25 mila euro annui pagherà 160 euro in più di tasse nel 2024 rispetto all’anno precedente, che saranno 320 euro in più, invece, per chi ha entrate fino a 35 mila euro.