17.3 C
Roma

Morto bambino d 8 anni risucchiato da vasca alle Terme di Cretone: indagini in corso

La serenità di una giornata estiva è stata lacerata da un evento devastante nel tardo pomeriggio di giovedì 17 agosto. Il piccolo Stephan, un bambino di soli otto anni, ha trovato una morte orribilie, risucchiato da una vasca durante le operazioni di pulizia.

È accaduto alle Terme di Cretone, situate tra Palombara Sabina e Passo Corese, nella provincia di Roma. La tragedia ha avuto luogo all’interno di una delle vasche termali, dove il bambino è stato trascinato dallo scarico d’acqua con esiti fatali.

La dinamica

Le circostanze dell’incidente rimangono oscure e soggette ad analisi approfondite. Stephan viveva con i suoi genitori, provenienti dalla Russia, in una località che si estende a una trentina di chilometri dalla Capitale.

L’epilogo tragico si è consumato intorno alle 18:30, proprio quando le porte dell’impianto termale si apprestavano a chiudersi per la giornata.

La piscina stessa, accessibile al pubblico dalle 9:30 alle 18:30 e dalle 21 alle 24 solo in alcuni giorni specifici, è stata il teatro di questa sciagura proprio al termine delle attività quotidiane.

Le indagini

Gli interrogativi affollano le menti delle persone coinvolte e di coloro che seguono la vicenda con sgomento. Come è stato possibile che Stephan si trovasse nella vasca in quel momento?

Le ipotesi iniziali suggeriscono due possibilità: il bambino potrebbe essere rimasto nell’acqua, ignaro del pericolo che si celava, oppure potrebbe essersi tuffato inconsapevolmente durante le delicate operazioni di svuotamento e pulizia della piscina.

Molti presenti hanno assistito all’incidente, tentando disperatamente di aiutare il piccolo, ma il potere del vortice rendeva ogni sforzo vano, mettendo a rischio anche chi cercava di intervenire.

Il recupero

Le operazioni di recupero del corpo sono state intricate e impegnative, richiedendo oltre un’ora di sforzi incessanti.

Le mani esperte dei sommozzatori dei vigili del fuoco sono riuscite a liberare il bimbo dalla stretta letale della condotta, tirandolo fuori dalla piscina.

L’attenzione delle indagini si concentra ora sulle circostanze che hanno portato alla presenza del bambino e di altre persone in prossimità della vasca durante le delicate fasi di manutenzione.

La procura di Tivoli, a cui è stato affidato il caso, aspetta con ansia la relazione ufficiale sull’incidente, nella speranza di gettare luce su questa tragica vicenda e di evitare che simili eventi possano ripetersi in futuro.

Leggi Anche

Frosinone, comincia la preparazione in vista dell’Udinese

Frosinone, ancora personalizzato per Mazzitelli Il Frosinone prepara la sfida contro l'Udinese. Di Francesco fa...

Gasperini: “Si dice che il momento giusto è quando vinci, perché non cali nella considerazione”

Gasperini: "Dovremmo fare una gara attenta" Gianpiero Gasperini, tecnico dell'Atalanta, ha presentato la storica finale...

Claudio Ranieri saluta il calcio

Giovedì l'ultima gara di Claudio Ranieri in panchina Claudio Ranieri, storico allenatore del Cagliari, della...

L’oasi di Ninfa arriva anche in Spagna: inaugurato il parco ad Algueña

Il borgo di Doganella di Ninfa e la cittadina di Algueña, situata nella comunità...

Continua a leggere su radioroma.it

ARTICOLI CORRELATI

Frosinone, comincia la preparazione in vista dell’Udinese

Frosinone, ancora personalizzato per Mazzitelli Il Frosinone prepara la sfida contro l'Udinese. Di Francesco fa...

Gasperini: “Si dice che il momento giusto è quando vinci, perché non cali nella considerazione”

Gasperini: "Dovremmo fare una gara attenta" Gianpiero Gasperini, tecnico dell'Atalanta, ha presentato la storica finale...

Claudio Ranieri saluta il calcio

Giovedì l'ultima gara di Claudio Ranieri in panchina Claudio Ranieri, storico allenatore del Cagliari, della...