Home NOTIZIE ATTUALITÀ Aprilia, largo alle “Comunità energetiche”: il programma

Aprilia, largo alle “Comunità energetiche”: il programma

L’amministrazione comunale di Aprilia intende fare la sua parte sul terreno della cosiddetta transizione ecologica, aprendo le porte ai progetti relativi alle “comunità energetiche”.

Con delibera di giunta numero 206 di inizio dicembre, l’esecutivo guidato dal sindaco Antonio Terra ha messo il semaforo verde alla promozione e la costituzione di una comunità di energia rinnovabile.

L’agenda di lavoro, realizzata anche grazie alle sensibilità provenienti dal territorio, prevede la predisposizione di un piano d’azione che va ad identificare un percorso per la realizzazione di una comunità di energia rinnovabile nel territorio comunale sia dal punto di vista finanziario che tecnologico, avvalendosi eventualmente dell’assistenza tecnica di un soggetto esterno dotato di adeguate esperienze e competenze.

Comunità energetiche: cosa sono, come funzionano, chi ne fa parte

Primo passo sarà quello di dare avvio ad un tavolo di confronto con le associazioni rappresentative del settore produttivo al fine di migliorare ed implementare il piano d’azione. Le comunità energetiche rappresentano, infatti, una forma d’azione collettiva e collaborativa per la transizione energetica. Un nucleo di realtà che scelgono di alimentare le proprie utenze con energia pulita, autoprodotta e condivisa.

L’opportunità inoltre permette di migliorare l’impatto ambientale dei singoli e della collettività, di ridurre i costi in bolletta, contribuire allo sviluppo di reti energetiche sostenibili e accedere agli incentivi per l’energia condivisa.

“L’orientamento, spiega l’assessora ai Lavori pubblici Luana Caporaso, è quello di andare verso la costituzione nel territorio apriliano di una comunità di energia rinnovabile che aggreghi utenze private e pubbliche, favorendo così la costruzione di una infrastruttura tecnologica abilitante distribuita che potrà essere efficacemente utilizzata per consentire di beneficiare dei vantaggi economici, ambientali e sociali. Il Comune di Aprilia ha tra gli obiettivi strategici di mandato lo sviluppo di modelli innovativi basati sull’energia rinnovabile, promuovere a livello locale un modello di sviluppo economico e produttivo basato sull’utilizzo di energia prodotta da fonti rinnovabili. L’operazione rappresenta un ulteriore strumento di tutela dell’ambiente e una possibilità di risparmio nei confronti del caro bolletta”.

Lo strumento della Comunità Energetica consente di condividere l’elettricità prodotta da fonti rinnovabili fra le abitazioni o le imprese localizzate mediante un accordo che consente la fornitura di energia a prezzi ridotti rispetto a quelli di mercato. In sostanza, i cittadini e le imprese si associano e, da fruitori passivi dell’energia diventano soggetti attivi capaci di autoprodurre parte del fabbisogno, scambiandolo all’interno della comunità energetica locale.

“Il percorso è appena iniziato, aggiunge la Caporaso, la comunità energetica prevede il coinvolgimento di una serie di soggetti, sia pubblici che privati, i quali costituiscono un ente legale, che scelgono di produrre energia elettrica pulita, autoprodotta e condivisa attraverso fonti rinnovabili come gli impianti fotovoltaici, termici o idraulici a prezzi accessibili ai propri membri”.

(sg)