Home NOTIZIE ATTUALITÀ Ama, i dirigenti rischiano di saltare le ferie: a lavoro anche ad...

Ama, i dirigenti rischiano di saltare le ferie: a lavoro anche ad agosto

NUOVI CESTINI RIFIUTI AMA

Non c’è tempo per le ferie, Roma va pulita. I rifiuti in città sono ancora troppi, e c’è anche un piano industriale da studiare per capire dove sorgeranno gli impianti di trattamento e smaltimento. Motivo per cui il direttore generale di Ama Andrea Bossola ha fatto sapere ai dirigenti e ai quadri intermedi che quest’anno le ferie rischiano di saltare.

Bossola lo ha scritto in un ordine di servizio che lascia poco spazio all’interpretazione: “Al fine di assicurare il presidio delle attività con la massima si dispone che Dirigenti, Quadri e Responsabili di Macro (Servizi/Uffici/Aree Operative), siano reperibili durante il periodo di ferie”, riporta il Messaggero. Una richiesta chiara: anche se in vacanza i dirigenti dovranno tenere il telefono acceso e in caso di necessità tornare operativi nella Capitale.

Una richiesta che non è piaciuta ai sindacati. Fp Cgil, Filt Cisl e Fiadel hanno infatti risposto così a Bossola: “Con la presente si contesta il metodo e il merito di quanto contenuto nella comunicazione in oggetto. L’ordine di servizio è totalmente al di fuori di quanto previsto dall’Art. 32 del Vigente contratto nazionale di lavoro”.

Giancarlo Cenciarelli, segretario della Fp Cgil, ha aggiunto: “Intanto le ferie, in tutte le aziende normali, vanno concordate e autorizzate dalla direzione prima. E mi sembra che valga lo stesso concetto anche in una grande realtà come l’Ama, dove ci sono oltre soltanto 7mila dipendenti. Poi la reperibilità è un istituto previsto dal contratto, che come tale va pagato…”.

G.