Home NOTIZIE CRONACA Nettuno, gli rubano lo zainetto mentre affoga in mare: la vittima riconosciuta...

Nettuno, gli rubano lo zainetto mentre affoga in mare: la vittima riconosciuta da un amico

immagine di repertorio

Gli rubano lo zainetto mentre affoga in mare. E’ stato identificato grazie a un amico, il 40enne moldavo che sabato sera è morto su una spiaggia libera a Nettuno. L’uomo è stato colpito da un malore dopo essersi tuffato in acqua ed è stato soccorso dai presenti che l’hanno riportato a riva. Nel pieno dell’agitazione e dei soccorsi, qualcuno ha però approfittato del caos per rubare lo zaino nel quale l’uomo aveva il telefono, i documenti e qualche soldo. Intanto gli operatori del 118 tentavano invano di rianimare il bagnante. Solo all’arrivo della polizia si è capito che qualcosa mancava: appunto lo zainetto. Gli amici, connazionali della vittima, in spiaggia con lui hanno riferito tutte le informazioni in loro possesso. Non abbastanza per un’identificazione. Il riconoscimento ufficiale è arrivato ieri da un conoscente del 40enne che ha portato al commissariato di Anzio una fotocopia del passaporto dell’uomo. Da una prima ricostruzione il 40enne prima di buttarsi in mare intorno alle 20 di sabato 30 agosto, avrebbe bevuto almeno una birra gelata in compagnia. Poche bracciate nell’acqua ed è stato colto dal malore presumibilmente per una congestione.

E.