35 C
Roma

Lazio, sanità a rilento: prestazioni in tempi giusti solo per 1 cittadino su 2

Le liste d’attesa continuano a essere un problema significativo per la sanità del Lazio. Oggi a Roma, durante l’evento ‘Liste di attesa e digitalizzazione’ promosso da Cittadinanzattiva con il contributo non condizionato di Doctolib, sono stati presentati i dati di un’indagine online condotta tra i residenti del Lazio nell’aprile 2024.

Solo il 48,8% dei cittadini laziali ha ottenuto l’appuntamento per la prenotazione richiesta nel 2023, e il 70% ha incontrato liste d’attesa chiuse. Più del 58% ha dovuto aspettare tempi superiori a quelli previsti dal codice di priorità indicato dal medico. Inoltre, il 38% ha dovuto recarsi in luoghi lontani o difficili da raggiungere per ricevere le prestazioni nei tempi adeguati, mentre quasi il 29% ha ricevuto la proposta di effettuare la visita o l’esame in regime di intramoenia.

Sanità Lazio, i dati sulle liste d’attesa

Di fronte a tali ostacoli, circa il 41% dei cittadini ha scelto di pagare per le prestazioni nel settore privato, il 21% ha accettato i tempi e i luoghi proposti dal servizio pubblico e poco più del 12% ha utilizzato l’intramoenia. Un 7% ha rinunciato a svolgere la visita o l’esame.

L’indagine ha anche rivelato una scarsa informazione: circa un terzo degli intervistati non conosce le tempistiche indicate dai codici di priorità (U-Urgente: entro 72 ore; B-Breve: entro 10 giorni; D-Differibile: entro 30 giorni per una visita specialistica ed entro 60 giorni per accertamenti diagnostici; P-Programmabile: entro 120 giorni). Soltanto il 51,2% ha ottenuto l’appuntamento richiesto nei tempi previsti dall’impegnativa, mentre nove su dieci ritengono che i tempi di attesa nel Lazio non siano compatibili con le proprie esigenze di salute e oltre il 37% pensa che la situazione sia peggiorata negli ultimi anni.

Anna Lisa Mandorino, segretaria generale di Cittadinanzattiva ha dichiarato: “Alcune di queste criticità, a cominciare dal blocco delle liste di attesa e dalla difficoltà ad avere le prestazioni nei tempi giusti, sono affrontate nel decreto sulle liste di attesa appena presentato in Consiglio dei ministri. In particolare alcune misure possono rappresentare un segnale di svolta per i cittadini. Ma nessuna riforma sostanziale può funzionare senza investimenti adeguati: la nostra proposta è che gli investimenti siano posti a carico del Fondo sanitario con vincolo di utilizzo, che impegni cioè le Regioni a rendicontarne l’effettivo utilizzo. E’ importante infatti che ci sia un impegno condiviso e responsabile da parte di tutti gli attori coinvolti nel governo delle liste di attesa. Da parte nostra vigileremo affinché le misure previste siano rispettate e siano presi i necessari provvedimenti, anche di tipo sanzionatorio, per rispettare i diritti dei cittadini”.

Elio Rosati, segretario regionale di Cittadinanzattiva Lazio, aggiunge che i cittadini del Lazio “si rivolgono ai nostri servizi soprattutto per segnalare difficoltà di accesso ai servizi sanitari e su questo abbiamo registrato un sensibile aumento di richieste dovuto ad un effetto post Covid che ha determinato ulteriori ritardi nell’erogazione delle prestazioni non erogate nel periodo pandemico e di quelle che si sono aggiunte una volta superato tale periodo”.

ULTIME NOTIZIE

Olimpico sold out per i Coldplay, come raggiungere lo stadio

Tutto pronto per la prima data italiana del tour dei Coldpaly. La band si...

Parigi 2024, da Giuffrida a Coiro: i romani alle Olimpiadi

Tanti i romani alle Olimpiadi di Parigi 2024. Tanti talenti nuovi e le certezze,...

Stadio Olimpico, siglato l’accordo tra Corepla e Sport e Salute per rendere gli eventi più sostenibili

Parte il progetto mirato a ottimizzare l’eco-sostenibilità degli eventi tenuti allo Stadio Olimpico di...

La matematica è un problema nel Lazio: i risultati dei test Invalsi

I risultati dei Test Invalsi del 2024 evidenziano carenze nella matematica per gli studenti...

Continua a leggere su radioroma.it

NOTIZIE CORRELATE

Stadio Olimpico, siglato l’accordo tra Corepla e Sport e Salute per rendere gli eventi più sostenibili

Parte il progetto mirato a ottimizzare l’eco-sostenibilità degli eventi tenuti allo Stadio Olimpico di...
00:01:24

Lazio autorizza agricoltori ad abbattere cinghiali

Nel Lazio gli agricoltori potranno abbattere i cinghiali che invadono i loro terreni. Lo...
00:01:09

“Roma antica in ostaggio”

“Soccombere al "diktat automobilistico", in una città strangolata dal traffico, trasformare le archeologie dell'antica...