Home VIDEO REPLICHE Roma di Sera – Puntata di Martedì 19 Settembre 2023

Roma di Sera – Puntata di Martedì 19 Settembre 2023

A “Roma di Sera” torniamo a parlare di Trastevere, perché non si placano le polemiche dei residenti e le accuse all’amministrazione Gualtieri di non difenderli dalla cosiddetta “mala movida” e dal degrado del Rione più conosciuto di Roma. “Vivo qui da anni – dice l’Avv. Andrea Mannino, che ha creato l’associazione “Trastevere di Tutti” ma non si era mai arrivai a questo livello di insicurezza e degrado, basti pensare che l’altro giorno una gallerista si è trovata un clochard entrato di nascosto nel negozio ed è dovuta scappare per le minacce. Non basta mandare una volante ogni tanto, noi vogliamo risposte serie e siamo pronti ad altre denunce”.

“Alla fine gli unici che ci difendono – aggiunge Simonetta Marcellini, del “Comitato Emergenza Trastevere” – sono i Carabinieri, costretti a venire dopo le nostre chiamate. Ma al Comitato per l’Ordine e la Sicurezza il Campidoglio non ci ha nemmeno invitati… Di cosa hanno paura, perché non ci ascoltano?”.

A proposito di sicurezza, sono in corso in questi giorni le prove fisiche del “Concorsone” per assumere nuovi agenti di Polizia Locale di Roma Capitale. “Le prove fisiche stavolta sono corrette secondo noi, non hanno esagerato con salti di un metro e mezzo – dice Alessandro Marchetti, segr. “Sulpl” Lazio – non si è esagerato nel salto in alto”. “Ma a che serve addestrare agenti a correre gridase poi da sempre il Parlamento non cambia il nostro status, lasciandoci come impiegati amministrativi, a percorrere i corridoi per fare le fotocopie? Ci chiedono da sempre di mettere a rischio la nostra incolumità, ma poi non ci danno gli strumenti di Polizia che hanno tutte le forze dell’ordine, mandandoci in pratica allo sbaraglio. Una vecchia polemica ma dopo tante chiacchiere, nessun Governo ci ha mai ascoltati.

E, a proposito, in questi giorni viene annunciato dal Governo il nuovo “Codice della strada”, che prevede pene molto più severe se si viene beccati al volante con il cellulare, o ubriachi o sotto effetto di droghe. Chiediamo il suo parere a Dario Pasquini, portavoce dell’associazione “Valerio De Simoni – Sicurezza stradale”. “Temiamo – spiega – che sia sempre troppo poco, perché poi queste regole vanno applicate e in strada ci sono sempre pochi controlli. Se parliamo di cosa stia facendo il Campidoglio, invece, siamo molto delusi dalla Consulta cittadina per la sicurezza stradale di cui facciamo parte, visto che da due anni non ha prodotto nulla di concreto… se serviamo solo a dire che ci hanno coinvolto, allora possiamo anche chiuderla”.