Home ULTIMA ORA Ucraina, Russia: missili Sarmat operativi. Mosca: sventato attacco con droni a ponte...

Ucraina, Russia: missili Sarmat operativi. Mosca: sventato attacco con droni a ponte Crimea

(Adnkronos) – La Russia ha dichiarato che il suo ultimo sistema di armi nucleari, il missile balistico intercontinentale Sarmat, è ora operativo, secondo quanto riportato dalla Cnn. L'inizio delle operazioni di combattimento era previsto per la fine del 2022. "Il complesso strategico Sarmat è stato messo in servizio di combattimento", ha dichiarato venerdì Yury Borisov, direttore generale della società spaziale statale Roscosmos, in un'intervista ai media.  Secondo la Cnn, il Sarmat sostituirà i missili Voevoda di epoca sovietica, noti con la designazione NATO SS-18 "Satan", nell'arsenale strategico russo. Come successore dell'SS-18, il Sarmat è stato soprannominato "Satana II" in Occidente. Nell'aprile dello scorso anno, il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che il Sarmat sarebbe stato in grado di trasportare diverse bombe nucleari fino al territorio continentale degli Stati Uniti e che avrebbe "dato da pensare a coloro che cercano di minacciare la Russia". All'epoca, gli analisti occidentali dissero alla Cnn che il Satan II rappresentava una minaccia "estremamente bassa" per gli Stati Uniti e i suoi alleati e che il test pubblico dell'arma da parte di Putin potrebbe essere stato fatto per coprire le carenze militari della Russia nel conflitto in Ucraina.  Secondo il Missile Defence Project del Centre for Strategic and International Studies, il Sarmat potrebbe trasportare 10 e potenzialmente più bombe nucleari mirate in modo indipendente con una gittata fino a 18.000 chilometri (o circa 11.185 miglia), come riportato dalla Cnn. Si prevede che sostituirà i missili Voevoda. Il Satan II è stato paragonato a un "lifting" per l'SS-18 di epoca sovietica da Hans Kristensen, direttore del Nuclear Information Project presso la Federation of American Scientists, anche se ha riconosciuto che ci sono "probabilmente alcuni miglioramenti". La Russia afferma di aver respinto un attacco di droni navali al ponte di Crimea. "Il drone navale ucraino è stato individuato e distrutto in tempo nelle acque del Mar Nero", ha annunciato il Ministero della Difesa di Mosca nella tarda serata di venerdì sul suo canale Telegram. Secondo la dichiarazione, l'attacco è avvenuto nella tarda serata di venerdì. L'informazione non ha potuto essere verificata in modo indipendente. La Russia sta conducendo una guerra contro l'Ucraina da circa 18 mesi. Riprendere la penisola di Crimea sul Mar Nero, annessa dalla Russia nel 2014, è uno dei principali obiettivi della difesa nazionale ucraina. Il ponte che collega la terraferma russa alla Crimea è importante per rifornire la penisola e le truppe russe nel sud dell'Ucraina. Il ponte è stato quindi attaccato più volte da Kiev. Le immagini satellitari mostrano che la Russia ha protetto parte del ponte con una barriera di navi affondate. Secondo gli osservatori, si tratta di una protezione contro possibili attacchi ucraini con droni navali. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)