Home Adnkronos Prigozhin, la Wagner e il ruolo in Ucraina, Africa e Siria

Prigozhin, la Wagner e il ruolo in Ucraina, Africa e Siria

(Adnkronos) – Leader e fondatore del gruppo Wagner Yevgeny Prigozhin, che secondo la lista passeggeri si sarebbe trovato a bordo dell'aereo che si è schiantato nella regione di Tver, solo recentemente aveva ammesso di aver creato la compagnia che fornisce mercenari con l'approvazione del Cremlino. Secondo il Center for Strategic and International Studies (Csis) di Washington la Wagner ha operato in almeno 30 Paesi e dispone di almeno due campi d'addestramento in Russia. Ultimo Paese in cui la Wagner opera è la Bielorussia. Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha offerto 'ospitalità' a Prigozhin e ai suoi uomini dopo una mediazione con il presidente russo Vladimir Putin seguita alla fallita ''marcia per la libertà'' su Mosca. Gli Stati Uniti considerano la Wagner "una significativa organizzazione criminale transnazionale" e l'hanno posta sotto sanzioni. L'organizzazione di Prigozhin ha svolto un ruolo di primo piano in Ucraina, così come all'estero. Già nel 2014, la Wagner ha partecipato all'addestramento, l'organizzazione e la fornitura di armi alle milizie filorusse del Donbass. Secondo il Csis, l'organizzazione ha partecipato anche a combattimenti e la raccolta d'intelligence nel Donbass, oltre a essere coinvolta nell'occupazione russa della Crimea.  L'anno scorso, dopo l'invasione russa, la Wagner è tornata sul campo in Ucraina. Di fronte alle alte perdite militari russe, l'organizzazione ha reclutato combattenti fra i detenuti delle carceri russe e dalla scorsa estate ha avuto un ruolo di primo piano nei combattimenti a Bakhmut. Prigozhin ha usato la battaglia di Bakhmut per promuovere la sua immagine e la Wagner è diventata "un centro di potere rivale rispetto ai militari e i ministeri russi", diceva a gennaio il portavoce del Consiglio nazionale di sicurezza americano, John Kirby. Prigozhin, aveva riferito Kirby, si era fatto mandare armi da usare in Ucraina anche dalla Corea del Nord.  Negli ultimi otto anni, ricorda il Csis, i mercenari della Wagner sono stati impiegati anche in Siria, Libia, Sudan, Mali, Repubblica Centroafricana, Madagascar, Mozambico e Venezuela. Spesso sono utilizzati per garantire la sicurezza di interessi russi, ma anche dei governi ospiti, e in qualche occasioni sono stati coinvolti in combattimenti.  In Siria, dove la Russia è schierata fin dal 2015 a fianco del presidente Assad nella guerra civile, la Wagner protegge installazioni russe e del governo siriano. I suoi mercenari hanno partecipato alla battaglia per riprendere il controllo di Palmira. Nel 2018, quando gli Stati Uniti e i loro alleati risposero ad un attacco vicino Deir el Zour, sferrato da forze vicine ad Assad, gli americani uccisero un centinaio di combattenti, fra cui mercenari della Wagner.  In Africa, la Wagner è stata in ben 18 Paesi ed è presente in Libia, dove sostiene il generale Khalifa Haftar. In Mali, dopo il ritiro delle missioni militari occidentali, la Wagner fornisce la sicurezza al palazzo presidenziale e partecipa alle missioni contro i gruppi jihadisti. Nel turbolento Centrafrica, la Wagner sostiene il governo in cambio di licenze di sfruttamento di miniere di oro e diamanti.  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)