Home Adnkronos Non solo Puglia, a Cortina vip e politici

Non solo Puglia, a Cortina vip e politici

(Adnkronos) – Non solo Albania e Puglia. Cortina rimane salda al top tra le località più amate da vip e politici italiani. La perla delle Dolomiti continua ad essere un riferimento per tutti coloro che possono concedersi qualche giorno di relax in una delle tante strutture del posto, dall'Hotel de La Poste, luogo simbolo della Dolce Vita, allo storico albergo Miramonti, nato agli albori del 1900. "Anche quest'anno tanti personaggi noti nel panorama italiano e straniero hanno scelto di trascorrere le ferie nella nostra località: si tratta soprattutto di clienti fidelizzati, che prediligono Cortina sia nel periodo invernale che estivo", dice all'Adnkronos Roberta Alverà, vice sindaca e assessore al turismo di Cortina d'Ampezzo. "La stagione estiva peraltro è partita molto bene, con un boom tra giugno e luglio e una lieve flessione nei primi giorni di agosto – aggiunge – Un calo che definirei fisiologico, visto che si passa da una media stagione a un'alta stagione. Inoltre, sono tornati i cittadini stranieri, quasi del tutto assenti dopo la pandemia".  Cortina rimane, dunque, tra le mete vip per eccellenza. Quest'anno, tra gli altri, ha ospitato la showgirl Melissa Satta con il figlio Maddox, il giornalista Enrico Mentana assieme alla compagna Francesca Fagnani, sulle Dolomiti proprio in questi giorni, e la conduttrice Ilary Blasi. Ma ad amarla non sono solo i personaggi dello spettacolo. "Proprio qualche giorno fa ci ha raggiunti per una breve visita il presidente Sergio Mattarella", spiega, orgoglioso, all'Adnkronos il presidente dell'Associazione Albergatori Stefano Pirro. "Tra i politici che sono stati qui quest'estate, c'è anche il ministro della Giustizia Carlo Nordio, che ha partecipato alla 28ª edizione del festival 'Una Montagna di Libri'" e la ministra delle Riforme Maria Elisabetta Alberti Casellati, che qui ha casa. "Abbiamo avuto anche Bruno Vespa, Paolo Mieli, alcune famiglie importanti del panorama economico italiano", aggiunge Pirro, che non dimentica i "turisti che possiamo definire 'fidelizzati', che hanno casa nella nostra località o che ci visitano spesso".   —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)