Home ULTIMA ORA Ucraina, Nato: “Più sorveglianza su mar Nero con aerei e droni”

Ucraina, Nato: “Più sorveglianza su mar Nero con aerei e droni”

(Adnkronos) – La Nato "condanna con forza" la decisione russa di ritirarsi dall'accordo sui corridoi del grano e annuncia l'intensificazione delle operazioni di sorveglianza e ricognizione con aerei e droni sul mar Nero. E' quanto rende noto un comunicato dell'Alleanza Atlantica, dopo una riunione del Consiglio Nato-Ucraina.  "Gli alleati e l'Ucraina condannano con forza la decisione della Russia di ritirarsi dall'accordo sul grano del mar Nero e i suoi deliberati tentativi di bloccare le esportazioni agricole dell'Ucraina da cui dipendono centinaia di milioni nel mondo".  "La Nato e gli Alleati – si legge ancora – stanno incrementando la sorveglianza e la ricognizione nella regione del mar Nero, anche con pattuglie marittime aeree e droni".  "Importante riunione del Consiglio Nato-Ucraina" twitta il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg. "Condanniamo il ritiro della Russia dall'accordo sul grano, la sua cinica trasformazione della fame in un'arma e le sue pericolose azioni nel mar Nero. La Nato è unita. Gli alleati continuano il sostegno all'Ucraina e aumentano la vigilanza nella regione".  Tra i Paesi in via di Sviluppo più colpiti dall’interruzione dell’accordo Onu sul grano ci sono il Bangladesh con oltre un miliardo di chili di grano importato dall’Ucraina nel corso dell’anno di durata dell’intesa, l’Egitto con 417 milioni di chili di grano, 998 milioni di chili di mais, 4,6 milioni di chili di olio e farina di girasole e 131 milioni di chili di semi di soia e il Kenya con 385 milioni di chili di grano, 53 milioni di chili di mais. E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti sulla base dei dati del Centro Studi Divulga in occasione della presentazione della Coalizione Mondiale dei Mercati Contadini, promossa da Campagna Amica nell’ambito del Food Summit Onu. Tra i paesi coinvolti anche l’Etiopia con quasi 263 milioni di chili grano, lo Yemen con 259 milioni di chili di grano e la Tunisia con oltre 222 milioni di chili di grano, 356 milioni di chili di mais, 108 milioni di chili di altri prodotti secondo l’analisi della Coldiretti che evidenzia come ai Paesi poveri è stato destinato ben il 58% dei prodotti agricoli transitati nei tre porti di Chornomorsk, Yuzhny e Odessa. Lo stop all’accordo Onu fra Russia e Ucraina per le spedizioni di grano dai porti del Mar Nero interrompe infatti – precisa la Coldiretti – un fiume di quasi 19 miliardi di chili di frumento per il pane, mais, olio di girasole e altri prodotti, che nell’anno di durata dell’intesa sono stati destinati ai paesi poveri dell’Africa e dell’Asia con il rischio che fame, carestie e crisi economica spingano con maggiore forza i flussi migratori verso l’Italia e il resto dell’Unione Europea con pesanti ripercussioni politiche e sociali.   —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)