Home NOTIZIE ATTUALITÀ Internet a casa, nei piccoli comuni senza fibra servono circa 24 euro...

Internet a casa, nei piccoli comuni senza fibra servono circa 24 euro al mese

ORANGE SOCIETA' DI TELECOMUNICAZIONI TECNICO SPECIALIZZATO CONNESSIONE INTERNET FIBRA INSTALLAZIONE

La fibra ottica continua il suo processo di diffusione sul territorio italiano. Tuttavia, sono ancora tante le località, spesso piccoli Comuni nelle zone di campagna o montane, che ancora non dispongono di questa tecnologia.

Quali sono le alternative per connettersi da casa nei territori non raggiunti dalla banda ultralarga via cavo? L’indagine condotta da SOStariffe.it e Segugio.it analizza le tecnologie alternative alla fibra, come ADSL, FWA e mobile e i relativi costi.

Per una connessione illimitata servono almeno 24,28 euro al mese ma affidandosi alle offerte mobile è possibile soddisfare il fabbisogno medio di Giga da rete fissa con una spesa di 16,98 euro al mese.

Accanto all’ADSL e alla tecnologia FWA (Fixed Wireless Access), è possibile considerare le offerte di telefonia mobile che garantiscono prestazioni equiparabili ad una connessione fissa, navigando in 4G o in 5G o potendo contare su entrambi gli standard.

Lo studio prende in considerazione, infine, le caratteristiche delle offerte mobile del momento in grado di soddisfare il totale di GB mensili medi assicurato da una connessione fissa.

Quanto costano le alternative alla fibra ottica: ADSL ed FWA

La prima tecnologia di connessione esaminata dallo studio è l’ADSL. In media, le offerte ADSL garantiscono una connessione illimitata (con velocità massima in download di 20 Mbps) a fronte di una spesa di 28,48 euro al mese, a cui aggiungere 8,56 euro di attivazione iniziale. Una soluzione più economica è rappresentata dalle connessioni wireless per casa.

Le offerte FWA, infatti, consentono di ottenere una connessione illimitata (ad una velocità massima in download di 245 Mbps) sostenendo una spesa media di 24,28 euro al mese, a cui aggiungere, in media, 12 euro di attivazione.

Di conseguenza, per realizzare una connessione illimitata per la casa, quando la fibra non è disponibile, è necessario mettere in conto una spesa superiore ai 24 euro mensili.

Quanto costano le alternative alla fibra ottica: le offerte mobile

Una buona idea per connettersi da casa in un territorio non raggiunto dalla fibra ottica potrebbe essere prendere in considerazione una connessione mobile in grado di offrire un accesso ad Internet ad alta velocità.

Le offerte 4G, in media, includono 107 GB al mese per navigare a una velocità massima di 216 Mbps (in download) sostenendo un canone mensile di 8,26 euro a cui aggiungerne 5,10 euro di attivazione iniziale.

Se invece vogliamo navigare molto più rapidamente, in 5G, cioè con la rete mobile di nuova generazione, al momento troviamo offerte con 160 GB al mese per connetterci ad una velocità massima di 1771 Mbps (in download). La spesa da affrontare comprende un canone di 16,67 euro al mese a cui aggiungere 7,09 euro di attivazione iniziale.

In media tutte le offerte sul mercato, quelle che consentono di navigare solo in 4G e quelle che permettono l’accesso anche al 5G, permettono ai consumatori di contare su 118 GB ogni mese, con una velocità di 548 Mbps (in download), spendendo 10,05 euro al mese a cui sommare 5,53 euro di attivazione di attivazione.

Infine, lo studio prende in considerazione le offerte in grado di soddisfare il fabbisogno di GB mensili di un “cliente tipo” con connessione fissa, in base ai dati dell’ultimo Osservatorio sulle Comunicazioni di Agcom (3/2022) da cui emerge un consumo medio giornaliero da rete fissa di circa 6,9 GB che diventano poco più di 200 GB mensili.

Le tariffe di telefonia in grado di soddisfare questo fabbisogno di dati mettono a disposizione, in media, 271 GB al mese, consentendo una velocità di navigazione di 941 Mbps (in download).

Il costo è di 16,98 euro al mese cui sommarne 4 euro di attivazione iniziale. Attivando offerte di questo tipo è possibile sostituire la linea fissa (senza dover attivare un abbonamento ma puntando su di una tariffa ricaricabile) con una connessione mobile con un quantitativo di Giga in linea con le esigenze di connettività delle famiglie.

Le attuali tecnologie di connessione e la relativa copertura

In base ai dati relativi alla prima metà del 2022, forniti da Agcom nel proprio Osservatorio sulle Comunicazioni, nella rete fissa sono attive quasi 20 milioni di linee. Negli ultimi dodici mesi le tradizionali linee in rame si sono ridotte, mentre le linee che utilizzano altre tecnologie da inizio anno sono aumentate.

L’ADSL è una tecnologia di connessione che ormai raggiunge la quasi totalità delle famiglie (circa il 99,8%). Garantisce una buona copertura nazionale (97,3%) anche la tecnologia FWA. Le linee Fixed Wireless Access ad oggi sono oltre 1,7 milioni. Entrambe rappresentano dunque ottime alternative alla fibra ottica per i territori che non possono ancora disporne.

Prosegue inoltre l’avanzata della fibra: ha ormai raggiunto un buon grado di diffusione la fibra mista rame FTTC (circa il 96% dei nuclei). Cresce anche la copertura (44,4%) della fibra ottica FTTH. Gli accessi FTTH si sono incrementati di oltre 780 mila unità su base annua, e a fine giugno, hanno superato i 3 milioni. Per quanto riguarda la velocità di connessione: l’80% delle linee broadband hanno velocità pari o superiori ai 30 Mbit/s.

(sg)