Home POLITICA ECONOMIA Spread oggi 25 novembre 2022, com’è il differenziale tra Bund e Btp

Spread oggi 25 novembre 2022, com’è il differenziale tra Bund e Btp

CONTABILITA' CONTEGGI SPREAD CALO SALITA ATTIVO PASSIVO ATTIVITA' PASSIVITA'

Come procede, oggi, lo Spread? E i principali titoli di Borsa? Come sta andando il noto differenziale tra Bund e Btp nella giornata odierna, 25 novembre 2022? E nel contempo, come stanno rispondendo ai segnali economici e finanziari i  principali listini e le principali Borse europee, a iniziare da quella di Milano?

Ecco la situazione in tempo reale e anche un quadro completo di ciò che è successo intorno allo spread negli ultimi giorni. Per chi non sapesse, lo spread ogni giorno è al centro dell’attenzione di esperti e non. Per sapere cos’è lo spread e cioè il differenziale tra Btp e Bund, clicca qui.

Se invece si desidera sapere come è andata a livello di oscillazione del differenziale in precedenza, ecco i dati della giornata di ieri.

Spread, come sta andando oggi 25 novembre

Lo Spread Btp-Bund apre in lieve rialzo a 183 punti base. Quanto alla Borsa, Milano incerta con Europa in attesa scelte della Bce. Piazza Affari analizza poi lo spread in leggero rialzo a quota 184. 

Sempre ieri il differenziale Spread Btp-Bund chiudeva a 181 punti, sui minimi aprile.

Spread, che cos’è, come influenza mercati e economia

Ma cosa è lo spread? Si tratta del differenziale tra Btp e Bund si ha a che fare con un indice di comparazione tra titoli di stato. L’oscillazione di questi titoli è influenzata dalle vicende politiche, economiche e finanziarie dei rispettivi paesi e va a sottolineare le  curve di crescita o di decrescita del flusso economico di un paese in quel particolare contesto.

Del resto, Spread è preso in riferimento anche un termine generico per indicare, semplicemente, la differenza esistente fra due valori in quanto tale.

Si parla di spread a tutto tondo, dunque. Ma nel caso più comune, e quello che interessa maggiormente agli italiani (esperti di economia e non) è per appunto quello che traccia la differenza tra il valore dei titoli di stato italiani e tedeschi.