Home SPORT CALCIO La Lazio cade a Torino con la Juve, Sarri: “Risultato bugiardo”

La Lazio cade a Torino con la Juve, Sarri: “Risultato bugiardo”

VIA ROSELLINI 4 LEGACALCIO SEDE SERIE A SERIE B

La Juve vola con la sesta vittoria consecutiva in campionato, la Lazio torna a terra dopo il balzo fatto nel derby. A Torino finisce 3-0 per i bianconeri. Un risultato che Sarri giudica troppo largo. La Lazio ha fatto troppo poco per sperare di portare a casa la partita, alla Juve, in fiducia, è bastato il gol di Kean per sbloccare la gara e poi chiuderla senza mai rischiare.

Per 40′ abbiamo fatto bene, senza rischiare e senza concedere la partita alla Juve. Il primo gol è stata la svolta del match, loro si sono chiusi nei 30 metri e trovare spazi senza riferimenti davanti è difficile. Il 3-0 è largo, la Juventus ha meritato, ma il risultato è bugiardo”, ha detto Sarri ai microfoni di DAZN al termine della gara.

Sarri ha poi analizzato gli errori commessi dalla sua squadra: “La colpa comunque è nostra che abbiamo regalato delle reti. La linea difensiva? Era un po’ larga sul primo gol, in relazione a dov’è la palla, ma questo dipende anche dal luogo in cui si è persa la palla. Non abbiamo sofferto sui lanci lunghi, ma quando abbiamo perso palle nella nostra metà campo”.

Ha aggiunto l’allenatore biancoceleste: “La Juventus difende bassa, mi aspettavo questo tipo di partita, soprattutto se fossero andati in vantaggio, potevo avere dubbi sui riferimenti offensivi, ma mi aspettavo questa partita. Come mentalità avere tanti piani non mi piace, vorrei averne uno funzionante e da portare fino in fondo, poi nel corso della partita le cose cambiano. L’impressione è che quando a questa squadra mancano due o tre giocatori va in difficoltà. Il bilancio è buono, siamo in zona Champions ed è onorevole, siamo soddisfatti, ma non ci dobbiamo accontentare. Abbiamo margini di crescita, anche oggi non si può perdere una partita così dopo 40′ in cui non abbiamo rischiato. La sosta fa bene a tutti in questo momento, siamo a corto di energie nervose, mentali e con infortunati. Questo è colpa dell’assurdo calendario di quest’anno”.

Infine, sul Mondiale: “Chi tiferò? Non so neanche se lo guarderò vista l’incazzatura che mi ha provocato questo calendario stilato per andare a giocare in Qatar. Mercato? La Lazio a gennaio storicamente non fa molto, delle volte addirittura non ha fatto niente. Durante questa sosta ne parleremo con la società e vedremo”, ha concluso.

G.