Home NOTIZIE CRONACA Taxi e Ncc abusivi, altri tre fermati a Roma: 40 mezzi sospesi...

Taxi e Ncc abusivi, altri tre fermati a Roma: 40 mezzi sospesi dalla circolazione negli ultimi mesi

Tassisti senza licenza e Ncc abusivi nella Capitale: altre tre persone sono state fermate dalla Polizia Locale di Roma. In un caso è scattato il ritiro immediato della patente, oltre al sequestro dell’auto. 

Sono circa 40 i mezzi adibiti illegalmente al trasporto taxi, che sono stati sospesi dalla circolazione negli ultimi mesi, a seguito dei controlli portati avanti dalla Polizia Locale di Roma Capitale.

Solo durante l’estate, gli agenti del Reparto squadra vetture del Gpit (Gruppo Pronto Intervento Traffico) hanno effettuato oltre 2mila verifiche mirate al contrasto dei fenomeni di abusivismo del trasporto pubblico non di linea, con particolare attenzione ai più importanti snodi del trasporto ferroviario e aeroportuale.

Un’attività di vigilanza che, nelle ultime settimane, ha subito un ulteriore potenziamento secondo il piano di controlli predisposto dal Comando generale.

Finto taxi senza assicurazione portava i clienti a Fiumicino

L’ultimo intervento nel pomeriggio di ieri, lunedì 26 settembre, quando una pattuglia del Gruppo, diretto dal vice comandante Mario De Sclavis, ha fermato un veicolo, adibito a taxi, che viaggiava in direzione di Fiumicino, con a bordo alcuni clienti. Ad insospettire gli agenti il comportamento dell’uomo alla guida e diversi danni visibili sull’auto. Una volta fermato, i caschi bianchi hanno potuto appurare una serie di illeciti. L’uomo era al volante della propria auto allestita come un taxi, senza licenza, poiché ceduta in gestione. Il mezzo era inoltre senza copertura assicurativa.

Per questo oltre al sequestro del mezzo è scattato il ritiro immediato della patente e della carta di circolazione. Nei suoi confronti sono state elevate sanzioni per un importo di oltre 900 euro.

Altri due abusivi sono stati invece intercettati presso lo scalo aeroportuale di Fiumicino: i due conducenti, senza licenza, avevano fatto salire a bordo dei gruppi di turisti inglesi e francesi appena atterrati a Roma. Oltre alle sanzioni amministrative previste, è scattato il fermo amministrativo dei veicoli utilizzati per svolgere l’attività illegale. (eg)