Home SPORT CALCIO Italia, Mancini presenta la gara con l’Inghilterra: “Dobbiamo ritrovare entusiasmo”

Italia, Mancini presenta la gara con l’Inghilterra: “Dobbiamo ritrovare entusiasmo”

ROBERTO MANCINI, CT

Altra posta in palio, tutt’altro momento. E’ passato poco più di un anno da quell’Italia-Inghilterra che ha regalato l’Europeo agli azzurri, ma sembra trascorsa una vita. Perché di mezzo c’è stata la seconda mancata qualificazione ad un Mondiale. Che brucia ancora dannatamente. Mancini lo sa ma prova a scuotere i suoi.

Ai microfoni della Rai, l’allenatore azzurro, ha presentato la gara con l’Inghilterra in programma domani sera: “Dobbiamo ritrovare entusiasmo e in vista di una partita così, non può non essercene. La vittoria dell’Europeo è lì, nel nostro palmares. Viviamo un momento complicato, abbiamo tanti assenti, ma non possiamo stare lì ogni volta a dire cosa ci manca: dobbiamo trovare soluzioni, come abbiamo fatto in passato. Questa squadra ha uno spirito che l’ha sempre contraddistinta anche nelle difficolta: i ragazzi sanno cosa fare in queste partite”.

Sugli esclusi ha detto: “La voglia di venire in Nazionale ci serve essere sempre e non a mesi alterna”. Poi ha parlato dell’infortunato Tonali, costretto a lasciare il ritiro: “In questi giorni non si è praticamente allenato con noi: abbiamo sperato di recuperarlo per Budapest, ma non ci siamo presi rischi e ora pensiamo di mandarlo a casa. Quanto al sistema di gioco, se cambiare bastasse a essere sicuri di vincere, lo faremmo ad ogni partita. Noi abbiamo un sistema di riferimento e comunque la cosa che conta è l’identità, e noi ne abbiamo una che ci ha fatto fare bene per tanto tempo. Un allenatore deve adattarsi al tipo di giocatori che ha: per questo quattro anni fa, avendo giocatori bravi tecnicamente, abbiamo cercato il controllo della partita, per non allungarci sul campo e poter difendere e attaccare bene. Poi si può anche cambiare, valuteremo fino all’ultimo”.

Infine su Gabbiadini: “Avrei voluto chiamarlo anche prima, ma aveva avuto sempre qualche problema fisico: cercavo un attaccante esterno mancino, non ce ne sono tanti, e lui sta abbastanza bene”, ha concluso Mancini.

G.