Home NOTIZIE CRONACA Roma, blitz degli anarchici a piazza Bologna: vandalizzato il murale di Falcone...

Roma, blitz degli anarchici a piazza Bologna: vandalizzato il murale di Falcone e Borsellino

il murale vandalizzato

Nuovo atto vandalico al murale di piazza Bologna a Roma che raffigura Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Lo sfregio stavolta è firmato dagli anarchici che hanno imbrattato l’opera con secchiate di vernice rossa e due scritte “l’antimafia tortura” e “Alfredo libero no 41bis”. In riferimento all’anarchico Alfredo Cospito condannato per vari reati che sta scontando le pena in regime di 41bis nel carcere di Terni, per la gambizzazione del manager di Ansaldo Nucleare Roberto Adinolfi avvenuta a Genova il 7 maggio 2012.

Tra i primi a denunciare il blitz che ha danneggiato l’opera dell’street artist romano Gojo inaugurata nel 2017 per il 25esimo anniversario della strage di via D’Amelio, è stato Gianluca Bogino, assessore alle Politiche Sociali, Pari Opportunità e Politiche Giovanili del II Municipio. “Tornando a casa dal Municipio ho potuto notare questa orribile sorpresa d’agosto. Nuovamente – scrive Bogino – a piazza Bologna è stato imbrattato il murale dedicato a Falcone e Borsellino. Non so quando ciò sia accaduto di preciso e se qualcuno lo ha notato nei giorni scorsi sarebbe utile saperlo.

Credo che non ci siano più parole per descrivere tali atti. Non mi importano nemmeno i motivi, intuibili dalle parole in vernice nera. Non ne parlerò, perché chi imbratta la memoria di Giovanni Falcone e di Paolo Borsellino nel trentesimo anno dalle stragi merita solo l’oblio. Non avrete pubblicità, solo compassione.

Noi ovviamente nei prossimi giorni saremo a lavoro per rifare l’opera. La mente di Paolo, l’autore, sta già vorticando nell’elaborare una tecnica artistica che d’ora in avanti ci consenta un restauro immediato. Perché non importa quante volte lo imbratterete, ci troverete sempre dalla stessa parte, col pennello in mano, al fianco di chi spende la propria vita per liberare questo paese da tutte le mafie” conclude l’assessore municipale.