Home NOTIZIE ATTUALITÀ Gualtieri ricorda il bombardamento di San Lorenzo: “Una delle pagine più tragiche...

Gualtieri ricorda il bombardamento di San Lorenzo: “Una delle pagine più tragiche della storia di Roma”

ROBERTO GUALTIERI POLITICO

A distanza di 79 anni dal bombardamento del quartiere Tiburtino, il sindaco di Roma Roberto Gualtieri ha commemorato l’evento deponendo una corona di alloro ai piedi del monumento ai caduti, nel quartiere San Lorenzo. Insieme al sindaco erano presenti la presidente del II
Municipio, Francesca Del Bello, e la consigliera regionale Valentina Grippo.

“Il 19 luglio 1943 il bombardamento su San Lorenzo, una delle pagine più tragiche e importanti della storia della nostra città. Quel giorno Roma conobbe l’orrore della guerra, con migliaia di vittime, feriti, sfollati. Noi oggi rinnoviamo il nostro impegno a coltivarne la memoria, insieme”, ha detto il sindaco Gualtieri nelle parole riportate da Askanews.

Ha ricordato ancora il primo cittadino: “I cittadini di San Lorenzo in quel giorno hanno provato direttamente gli orrori della guerra. Tonnellate di esplosivo sono state sganciate sopra al quartiere, gli snodi ferroviari, 4mila bombe, circa 3mila morti, circa 1.500 morti sono in questo quartiere, precipitato in un’angoscia senza precedenti”.

“Il quartiere – ha sottolineato ancora Gualtieri – ha chiesto la pace. Ha risposto alla retorica del re affermando di non credere più alla retorica della guerra, all’idea dell’odio del nemico. La colpa non è dei piloti alleati che hanno sganciato le bombe, ma del regime fascista e nazista che ci hanno trascinato in una vergognosa guerra”, ha concluso il sindaco.