Home NOTIZIE CRONACA Tavolini selvaggi Roma, in un mese 385mila euro di multe. In azione...

Tavolini selvaggi Roma, in un mese 385mila euro di multe. In azione la task force dei caschi bianchi

Sono quasi un migliaio i pezzi sequestrati dalla Polizia locale negli ultimi giorni nel centro di Roma. Sulle “bancarelle” del centro soprattutto capi di abbigliamento e accessori, con marchi contraffatti. Controlli a tappeto della task force dei caschi bianchi dalle vie e piazze del centro storico a Trastevere. Sorvegliati speciali anche la stazione Termini, l’area di Prati e quelle vicino a Castel Sant’Angelo e San Pietro.

Tavolini selvaggi: in un mese 385mila euro di multe

I controlli andranno avanti costantemente e saranno estesi in via progressiva anche agli altri quartieri colpiti da tali fenomeni. Occhi puntati anche sulle occupazioni di suolo pubblico irregolari – sanzioni per 385mila euro nel giro dell’ultimo mese. E al recupero di spazi occupati abusivamente. Intere aree che, grazie a questa opera di vigilanza, sono state restituite alla libera fruizione di cittadini e turisti.

La task force comprende gli agenti dei vari Gruppi territoriali, oltre quelli del I Gruppo Trevi e Prati, con personale delle Unità Speciali della SPE (Sicurezza Pubblica ed Emergenziale) e del GSSU (Gruppo Sicurezza Sociale e Urbana).

Il piano anti abusivismo commerciale

E’ partito quindi il piano di vigilanza rafforzato da parte della Polizia Locale di Roma Capitale per contrastare i fenomeni illeciti legati all’abusivismo commerciale. Particolare attenzione alla vendita illegale di prodotti contraffatti. Un’intensificazione dei controlli messa a punto, in sinergia con l’Assessora alle Attività Produttive e alle Pari Opportunità di Roma Capitale Monica Lucarelli e con il Prefetto di Roma Matteo Piantedosi. L’obiettivo è riportare il decoro nei vari quartieri della città e a tutelare non solo i consumatori ma anche coloro che operano nel commercio rispettando le regole. Un modello operativo che, già applicato all’area del Colosseo, è stato esteso in questi giorni alle località a più alta affluenza turistica, dove si registrano la maggior parte degli illeciti.