Home NOTIZIE ATTUALITÀ Il Pnrr “ha già generato 15mila assunzioni”

Il Pnrr “ha già generato 15mila assunzioni”

PNRR PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA

Il Pnrr, indicano i dati forniti in occasione del Forum Pa 2022, ha generato oltre 15mila assunzioni. Un dato in linea con le previsioni, forse anche di più: “C’è una campagna di reclutamento che sta marciando secondo i tempi previsti: quella dei professionisti del Pnrr, che ha già generato oltre 15mila assunzioni, più della metà delle oltre 29 mila assunzioni programmate entro il 2023, affinché la durata degli incarichi – quasi esclusivamente triennali – rientri nel periodo di programmazione, con il 2026 come data massima per completare i progetti”.

“Le procedure selettive concluse hanno portato nella PA 1.032 incarichi di collaborazione per 36 mesi, 14.103 contratti a tempo determinato – dicono i dati diffusi in occasione del Forum Pa 2022. a cui si aggiungono 50 a tempo indeterminato. Nel solo 2021, sono state 160 mila le candidature ricevute ai bandi di concorso indetti per il PNRR, con un 6% di assunzioni rispetto alla platea dei partecipanti. Il 75% del personale assunto o in corso di assunzione è laureato”.

Cos’è il Pnrr

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) – si legge nel sito del MEF – si inserisce all’interno del programma Next Generation EU (NGEU), il pacchetto da 750 miliardi di euro, costituito per circa la metà da sovvenzioni, concordato dall’Unione Europea in risposta alla crisi pandemica. La principale componente del programma NGEU è il Dispositivo per la Ripresa e Resilienza (Recovery and Resilience Facility, RRF), che ha una durata di sei anni, dal 2021 al 2026, e una dimensione totale di 672,5 miliardi di euro (312,5 sovvenzioni, i restanti 360 miliardi prestiti a tassi agevolati).